Quantcast

Carcere, Brescia:«Realtà intollerabile»

Il segretario regionale di Italia dei Valori Carmelo Tindiglia suggerisce utilizzare i patrimoni confiscati alla mafia. Nel weekend una raccolta firme.

(red.) Dati europei che riflettono la situazione a Brescia.
Secondo quanto dichiarato di una nota stampa di Italia dei Valori, «il Consiglio d’Europa, che sovrintende alla difesa dei diritti umani, è tornato a bacchettare lo Stato italiano sulle condizioni delle nostre carceri, che continuano ad essere le più sovraffollate d’Europa».
«La situazione italiana è la peggiore dei 28 paesi dell’UE – ha dichiarato il segretario regionale IDV Carmelo Tindiglia – mentre  fra i 47 paesi che fanno parte del Consiglio d’Europa solo in Serbia il sovraffollamento è maggiore».
«Il nostro paese ha sempre affrontato tale questione con provvedimenti vergognosi quali indulto e amnistia, senza affrontare in modo serio il problema ma limitandosi a rimandarlo per qualche tempo. Così come bisogna garantire condizioni di detenzione nel rispetto dei diritti e della dignità umana, è altrettanto necessario garantire la certezza della pena. Costruzione di nuove strutture carcerarie associata a forme di pena alternative alla detenzione per reati minori, misure peraltro già applicate,  sono interventi che non possono più essere rimandati».
«I dati europei descrivono perfettamente le condizioni in cui versano le strutture bresciane. Già in passato l’IDV aveva sollevato la questione degli standard di vivibilità della  casa circondariale cittadina di Canton Mombello».
«La disattenzione della politica verso un adeguato rilancio dell’edilizia carceraria, che tra l’altro ha visto l’esclusione di Brescia dal piano carceri nazionale, è intollerabile. Le risorse ci sono e potrebbero aumentare se solo si facesse ricorso agli immensi patrimoni confiscati alla mafia».
«Anche per questo – ha concluso Tindiglia – il nostro impegno nella raccolta firme a sostegno di questa proposta di legge popolare prosegue e proprio a Brescia saremo presenti con i nostri banchetti nel prossimo week end».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.