Quantcast

Adamello, liberato un gufo reale

Lunedì a Paspardo, nel parco naturale il Cras ha ridato libertà al prezioso volatile. Era rimasto ferito da dei pallettoni da caccia nel novembre scorso.

(red.) Lunedì sera 14 aprile 2014 l’associazione Uomo e Territorio Pro Natura ha reintrodotto in natura un esemplare di Gufo Reale curato presso il Centro Recupero Animali Selvatici del Parco dell’Adamello che gestisce in comune di Paspardo, in partnership con il Parco dell’Adamello ed il Comune.
Questo prezioso esemplare  (in Italia viene stimata una popolazione di poche centinaia di coppie) era arrivato al nostro CRAS dopo essere stato rinvenuto sui monti di Esine lo scorso novembre con ferite riconducibili ad un arma da fuoco (pallini da caccia), che avevano causato all’animale oltre a varie ferite superficiali anche una grave frattura all’ala e un trauma ad un occhio.
Dopo due delicati interventi chirurgici alla “mano” dell’ala sinistra, eseguiti dallo studio Veterinario Dott.ri Bontempi Carpentiero di Breno che collabora con il Centro, e dopo una lunga riabilitazione nei tunnel di volo gestita dallo staff del CRAS e dal Dott. Stefano Giacomelli, Responsabile Sanitario del Centro, finalmente l’animale è tornato a volare. Con le ultime luci di lunedì, l’imponente Gufo reale è tornato libero nei boschi e nei pascolo della media Valle Camonica.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.