Quantcast

Manenti-Brescia calcio, fumata nera

Questa volta il patron di Mapi group completamente snobbato dai veritici della società di Gino Corioni, che hanno disertato l'incontro di Milano.

(red.) Niente da fare. Storia finita tra Gianpietro Manenti e il Brescia calcio. L’incontro di giovedì 6 marzo a Milano è saltato, dato che Gino Corioni e i suoi collaboratori non si sono presentati negli uffici del notaio Angelo Busani che ospitava il meeting. Dunque è proprio chiusa la telenovela sulla possibile cessione della società di via Bazzoli? Sembra proprio di sì, dato che lo stesso patron di Mapi group, amareggiato per l’ennesima figura, e infastidito dalla mancanza di considerazione, ha detto che lascerà perdere l’acquisto. Anche i tifosi, dopo mesi di ammiccamenti e notizie non vere, sono ormai esausti della situazione, e auspicano che la vicenda venga definitivamente archiviata.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.