Tar sull’ex Pietra: ricorso respinto

Da via Zima affossato il ricorso di Finisbi contro il Comune per la realizzazione sull’area di un megacentro commerciale, finanziario e di servizi.

(red.) Il nuovo centro commerciale, per il momento, non si farà.
I giudici di via Zima hanno respinto il ricorso di Gianfranco Musicco, dell’immobiliare Finisbi, volto ad ottenere il via libera per l’edificazione dell’area dell’ex acciaieria Pietra, fra via Orzinuovi e via Dalmazia a Brescia.
Una delibera del Consiglio Comunale, infatti, nega la possibilità di realizzare un moderno centro polifunzionale (commerciale, finanziario e di servizi) sul terreno. Il ricorso mosso da Finisbi sulla decisione della Loggia è stato giudicato infondato dalla prima sezione del Tar.
A onor del vero, in ogni caso, Finsibi aveva ottenuto, nel 2011, il nullaosta per il proprio progetto, poi bloccato dalla delibera del 12 marzo 2012, avanzata in sede di approvazione definitiva del Pgt.
La società di Musicco, inoltre, dovrà corrispondere 5mila euro di spese processuali a ciascuna delle controparti, ovvero, Comune di Brescia e Nau spa.
La società Nuovi assetti urbani-Ex magazzini generali, infatti, è proprietaria di un compendio speculare dell’area ex Pietra e in possesso di una convenzione urbanistica col Comune – risalente al dicembre del 2000 – per l’attuazione di un piano integrato di intervento che prevede la realizzazione di edifici residenziali, direzionali, commerciali e di servizi, nonché di aree destinate al verde pubblico.
Sull’area, lo ricordiamo, era stata localizzata dalla Giunta Paroli la nuova sede unica del Comune, decisione poi riveduta dall’Amministrazione Del Bono

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.