Adro, Oscar Lancini resta ai domiciliari

Il gip Cesare Bonamartini ha confermato le restrizioni a carico del primo cittadino del comune franciacortino e dell'assessore Giovanni Frusca.

(red.) Il sindaco di Adro resta ai domiciliari. Il gip del tribunale di Brescia, Cesare Bonamartini, ha respinto la richiesta di revoca del legale Luigi Frattini, che rappresenta Oscar Lancini.
Oltre al primo cittadino, restano le misure restrittive anche per l’assessore ai Lavori pubblici, Giovanni Frusca, e il responsabile dell’area tecnica Leonardo Rossi. Carmelo Bagalà, segretario comunale, era stato rimesso in libertà nella giornata di martedì per gravi problemi di salute.
Intanto, nella giornata di venerdì, la Lega Nord ha deciso di organizzare una manifestazione a favore del sindaco.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.