Lago d’Iseo, baby pesci in incubatoio

La Giunta provinciale ha approvato il progetto della struttura destinata al ripopolamento ittico delle acque che dovrebbe sorgere a Clusane d’Iseo.

Più informazioni su

(red.) Dopo anni di ricerche per un’ipotetica collocazione e un ricorso al Tar arrivato proprio quando il nodo-posizione sembrava essere stato risolto, pare che l’incubatoio ittico del Sebino, alla fine, si farà. La Giunta provinciale bresciana, infatti, ha approvato un progetto iniziale che stabilisce modalità, fattezze e dimensioni della costruzione.
Secondo il progetto dell’ingegner Carlo Lazzaroni, la struttura sorgerà a Clusane d’Iseo, in via degli Orti, su un terreno fronte lago di proprietà del Comune bresciano.
L’edificio, parzialmente incassato nel terreno, occuperà 212 mq divisi fra una sala di lavorazione del pesce e uno spazio per gli uffici. D’altra parte, gli amministratori dell’assessorato alla Pesca lo hanno dichiarato in diverse occasioni: è tempo che anche il Sebino abbia una struttura destinata al ripopolamento ittico delle sue acque.
Al momento, infatti, la schiusa delle uova e l’accrescimento degli avannotti destinati al ripopolamento, hanno luogo a Desenzano. Il costo totale previsto per l’opera è di 660 mila euro.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.