Quantcast

A Desenzano la finale del lancio telefonino

Domenica 29, la tappa conclusiva del Campionato italiano. Da battere il record nazionale di 71,11 metri. In palio, neanche a dirlo, un telefono cellulare.

Più informazioni su

(red.) Domenica 29 settembre la Spiaggia d’Oro di Desenzano del Garda (Brescia) ospiterà la tappa conclusiva del Campionato italiano 2013 di “lancio del telefonino”. Un gioco che sta diventando sport. Protagonista della sfida di Desenzano sarà, come sempre, chiunque desideri vivere il brivido di un gesto liberatorio: quante volte avremmo voluto buttare il più lontano possibile quello strumento così indispensabile ma anche, a volte, molesto? Domenica 29 vincerà chi riuscirà a farlo all’interno del campo da gioco allestito a Desenzano. L’iscrizione è gratuita e sarà l’organizzazione a fornire i telefonini per la gara (tutti uguali: 66 grammi di peso e senza batterie per rispettare l’ambiente).
La sfida avrà luogo anche in caso di maltempo: anzi, la pioggia potrebbe rendere ancora più divertente ed emozionante la prova.
È ancora possibile preiscriversi sui siti www.celly.com, www.lanciodeltelefonino.com ed in alcuni negozi Tim il cui elenco è disponibile sulla pagina web dell’evento. La preiscrizione non è obbligatoria ma consigliata: dà diritto ad un cappellino in regalo e ad una “corsia preferenziale” per il lancio. Un vantaggio da non sottovalutare, considerato che sono previste centinaia di partecipanti. Il record nazionale appartiene ad un informatico di Rieti, Francesco Faraglia, con la misura di 71,11 metri mentre il primato mondiale è del finlandese Ere Karjalainel: ben 101 metri, ma con un telefonino più pesante del modello adottato in Italia.
Il lancio del telefonino nacque in Finlandia nel 2000, quando si disputarono i Mobile Phone Throwing Championships, ma dal 2009 è un italiano a detenerne il brevetto europeo: l’imprenditore comasco Massimo Galeazzi. Sarà proprio il suo staff a proporre, sulla Spiaggia d’Oro di Desenzano, la gara di chiusura. Le misure verranno rilevate attraverso un dispositivo tele-laser ed i partecipanti saranno suddivisi tra Junior (dai 13 ai 20 anni) e Senior (dai 21 anni in su). In palio, manco a dirlo, un telefono cellulare.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.