Quantcast

Brescia, polvere di carbone dalla Ori Martin

Il pulviscolo nero segnalato da un residente al Comune. Sopralluogo di polizia locale ed Arpa. La fuoriuscita durante il caricamento del silos di stoccaggio.

(red.) E’ stata la telefonata di un cittadino, preoccupato per la presenza di polvere nera nell’area circostante la Ori Martin in località “Gabbiane” a San Bartolomeo, ad allertare il settore Ambiente del Comune di Brescia.
Subito dopo la segnalazione, avvenuta nel pomeriggio di martedì 17 settembre, l’assessore all’Ambiente, Gianluigi Fondra, accompagnato dal Responsabile dell’Area, ha avvisato la centrale operativa della polizia locale e si è recato sul posto.
Fondra ha avuto modo di constatare l’effettiva emissione anomala di polvere nera che,  trasportata dal vento, aveva raggiunto una ristretta area delle abitazioni che si trovano vicine all’azienda.
La mattina del 18 settembre l’assessore ha incontrato i rappresentanti della Ori Martin, assieme al responsabile Ambiente e Sicurezza dell’azienda, che hanno fornito notizie e informazioni più dettagliate sulla causa delle emissioni di pulviscolo nero. Secondo quanto riportato, durante l’operazione di caricamento del silos di stoccaggio del carbone si è forata una tubazione e quindi si è verificata la fuoriuscita di polvere che si è dispersa nell’aria e, trasportata dal vento, ha raggiunto le abitazioni situate al confine nord dell’Azienda. Dopo la segnalazione di alcuni cittadini, è stata interrota l’operazione di carico e si è proceduto a riparare la tubazione.
I rappresentanti della Ori Martin hanno assicurato all’assessore che è già allo studio un progetto finalizzato a mettere ulteriormente in sicurezza l’impianto di risalita delle polveri di carbone, mediante un incapsulamento dell’intera tubazione affinché risulti impossibile la dispersione di materiale all’esterno in caso di rottura.
Nonostante la dinamica dei fatti risulti abbastanza chiara, l’assessorato all’Ambiente ha allertato anche Arpa e due tecnici hanno prelevato un campione di polvere di carbone in prossimità dell’area silos per compararlo con quello raccolto nella zona di via Gabbiane.
I risultati delle analisi delle campionature, per le quali è stato richiesto dal Comune un riscontro urgente al fine di rassicurare al più presto la cittadinanza e garantire la salute pubblica, verranno immediatamente  trasmesse all’Asl per le verifiche di competenza.
L’assessore Fondra ha espresso «il suo apprezzamento per la collaborazione immediata dimostrata da enti, cittadini ed azienda in un  momento di emergenza. Con l’occasione rende noto che a brevissimo verrà riconvocato l’Osservatorio Ori Martin che avrà modo, tra le altre cose, di fare una verifica più puntuale sull’accaduto e sulle successive azioni intraprese dall’azienda per evitare in futuro tali episodi».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.