Centrale idroelettrica nel Parco dello Strone?

Ambientalisti bresciani sul piede di guerra contro il progetto di un impianto energetico che attingerà acqua dalla cascata dell'area verde di San Paolo.

(red.) Scendono sul piede di guerra gli ambientalisti bresciani, decisi a bloccare il paventato progetto di realizzazione di una centrale idroelettrica nel Parco dello Strone a San Paolo (Brescia).
Il progetto prevede la costruzione dell’impianto sfruttando la presenza della cascata che risale al XVII secolo.
I Circoli Legambiente della Bassa ed il Gruppo di Salvaguardia del Parco protestano contro l’ipotesi di costruzione del bacino idrico in un parco di interesse sovra comunale, prezioso baluardo delle biodiversità vegetali ed acquatiche.
Secondo gli ambientalisti, verranno colati 600 metri cubi di cemento e 2mila metri cubi di sbancamento con un impatto ambientale definito “devastante” nonostante le piccole dimensioni della centrale che comunque non apporrà i previsti benefici economici nella zona.
Sembra che, al momento, una ditta, già due anni fa, abbia presentato al Comune di San Paolo richiesta per la realizzazione dell’impianto. La situazione ora però appare più stringente perchè la Regione avrebbe approvato il progetto, dopo il parer positivo della Giunta comunale. Il Comune ha però precisato che solo dopo che la Provincia avrà indetto la Conferenza dei Servizi, prevista a settembre, verranno eviscerate tutte le problematiche eventualmente annesse al progetto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.