Caffaro, Regione a Brescia per ‘sblocco’ iter

Si avvicina l’intervento di bonifica per il “Sin”. Dopo l’assessore regionale Claudia Terzi è atteso in città il Ministro dell’ambiente Andrea Orlando.

(red.) Dopo l’arrivo in città della Commissione ambiente della Camera, è attesa a Brescia per martedì 16 luglio la Commissione Ambiente e Protezione civile del Consiglio lombardo.
Il sopralluogo, cui parteciperà anche l’assessore della Regione Claudia Terzi, è volto a tenere i riflettori puntati sul caso Caffaro, sperando che, in questo modo, l’iter istituzionale avviato da Palazzo Loggia possa finalmente portare all’attesissima bonifica della zona. Venerdì 26 luglio è atteso in città anche il ministro Andrea Orlando che dovrebbe ufficializzare l’approvazione della richiesta, avanzata dal Comune di Brescia, di istituire la figura di un commissario straordinario per il Sito d’ interesse nazionale Caffaro. Orlando dovrebbe dare il via libera per istituire una figura con un mandato ministeriale specifico che sia operativa sul territorio bresciano, facendo sintesi delle priorità e velocizzando le procedure burocratiche.
Brescia, infatti, da 12 anni sente parlare di risanamento del sito, è ora che si passi dalla teoria alla pratica. Con la firma operativa del Ministro, dovrebbe finalmente partire il progetto da 3milioni 900mila euro di Sogesid. Nella fattispecie, la positiva valutazione tecnica del Ministro Orlando dovrebbe assicurare la realizzazione dei primi interventi di bonifica sulle rogge del quadrilatero del Pcb e su alcune delle zone contaminate, sia pubbliche che private.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.