Quantcast

Gardone Riviera fa centro col porta a porta

Con l'avvio del nuovo sistema di raccolta dei rifiuti, la differenziata passa dal 31% del maggio 2012 al 64% del maggio 2013, pari circa al limite di legge del 65%.

(red.) Gardone Riviera arriva ai limiti di legge del 65%  con il primo
mese di raccolta porta a porta integrale.
I dati di confronto con maggio 2012 sono eloquenti. La raccolta rifiuti differenziata passa dal 31% al 64%, un incremento del +103%. La raccolta rifiuti indifferenziata passa da 141 tonnellate a 39 tonnellate (-72%). Il totale di rifiuti raccolti passa da 247 a 164 tonnellate (-33%). Un traguardo che è il risultato di un lavoro intenso, reso possibile dalla collaborazione di cittadini, attività commerciali, strutture alberghiere e dalla pianificazione di un modello nato da studi e analisi durato 4 anni su bacini virtuosi nazionali e non (AMNU, SAVNO,Capannori, San Francisco, Sommacampagna, Ponte nelle Alpi etc.).
Nel comune della provincia di Brescia, si è scelto un modello di porta a porta integrale in accordo con il gestore Gardauno e si è proceduto con l’applicazione di un ecocalendario con ritiri a partire dalle 6 di mattina per le Grandi Utenze in maniera tale da liberare al più presto la strada dal conferimento dei rifiuti differenziati. Si sono “accompagnati” e assistiti gli utenti (domestici e non domestici) in tutte le problematiche supporto posta a porta. Si è creata un isola ecologica  disponibile 21h a settimana tutti i giorni, che diventerà il fulcro del sistema di raccolta e soprattutto parte integrante di una “piattaforma ecologica” complementare al porta a porta.
All’avvio, come spiega Stefano Ambrosini, consigliere comunale delegato per l’innovazione tecnologica e l’ambiente, si sono riscontrati vantaggi e svantaggi. I vantaggi riguardano: l’aumento della raccolta differenziata, con il conseguente recupero di materiali e risorse che possono essere riutilizzati; una riduzione dei rifiuti indifferenziati che andranno in discarica; la produzione, a partire dai rifiuti organici, di compost di qualità, un fertilizzante naturale per l’agricoltura;  contenimento dei costi di smaltimento del rifiuto in discarica che, altrimenti, aumenterebbero continuamente. La tariffa puntuale (pago a seconda della quantità di rifiuti non-differenziati produco) ha un effetto positivo ulteriore soprattutto nel lungo periodo.
Gli svantaggi sono soprattutto il  processo di formazione della cittadinanza e delle categorie interessate pre-avvio del servizio, il supporto da parte dell’amministrazione nella fase di start-up del servizio, un piano industriale accurato che permetta di garantire un buon rapporto servizio/tariffa.
I prossimi obiettivi di Gardone Riviera saranno: il raggiungimento entro l’anno del 70% della Raccolta Differenziata;  l’avvio di un progetto sperimentale (CO.COMPOSTI) sul Compostaggio Locale con il bando europeo Life+Waste (in consegna il 25 di Giugno a Bruxelles); l’avvio di un progetto Fondazione Cariplo (in attesa di finanziamento) Creare Comunità Solstenibili con focus group sul compostaggio; il termine del progetto Fondazione Cariplo sul Parco Alto Garda con l’adesione di tutti e 9 i Comuni al Patto dei Sindaci e la redazione dei 9 PAES (entro il mese con l’adozione del PAES da parte di Toscolano Maderno.
“Dettaglio non trascurabile”, aggiunge Ambrosini, “è quello che tutto il progetto è stato realizzato direttamente da me senza budget a disposizione e con il supporto logistico di Caterina Fasser (Galleria della Natura) che ho voluto fortemente come supporto formativo per la cittadinanza e gli studenti delle scuole, del gestore Gardauno, che si è rivelato ineccepibile e con una professionalità altissima, specialmente nelle persone di Massimo Pedercini, Michele Corna, Luca Benedetti e in tutti i bravissimi operatori sul territorio”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.