Quantcast

Del Bono espugna il centro e conquista la città

La geografia del voto rivela la netta prevalenza del candidato del centrosinistra in tutte e cinque le ex circoscrizioni. A 'tradire' Paroli proprio il cuore di Brescia.

Più informazioni su

 

(red.) Vittoria schiacciante quella di Emilio del Bono, candidato del centrosinistra, alle amministrative di Brescia. Con una percentuale del 56,55 di voti contro il 43,4% raccolto dal primo cittadino uscente, Adriano Paroli, il neosindaco ha conquistato tutte le sezioni della città. La prevalenza di preferenze all’esponente Pd è stata certificata in tutte le cinque zone delle ex circoscrizioni cittadine, diversamente da quanto era avvenuto, invece, al primo turno, dove le divisioni erano più marcate.
Il risultato più eclatante è quello nella Centro dove, al primo turno, a prevalere era stato Paroli. Questa volta, invece, è proprio il cuore della città a ‘tradire’ il sindaco uscente: Emilio Del Bono ha ottenuto il 51,72% dei voti (8.138 preferenze) contro il 48,28% di Adriano Paroli (7.597 preferenze). L’ex primo cittadino ha vinto in 17 sezioni su 37.
Una volta espugnato il centro città, storicamente vicino all’area di centrodestra, le altre zone della città hanno capitolato ai piedi di Del Bono: a partire dalla Est dove il consenso per il centrosinistra era già stato affermato lo scorso 26 e 27 maggio con il 41,79%. Lunedì, a spoglio concluso, il risultato è stato ancora più schiacciante, con una affermazione di del Bono pari al 61,03%. Alla Circoscrizione Nord Del Bono, che al primo turno aveva vinto con un margine risicato, questa volta ha conquistato 49 sezioni su 53 totali e nella Sud, nella quale Paroli aveva vinto con  il 39,4% contro il 37,8% del suo avversario, ha ottenuto, invece, il 55,75% delle preferenze. Alla Ovest del Bono ha riconfermato il risultato raggiunto nella prima votazione, marcando un obiettivo del 58,67.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.