“Squadra potenziata con Civica Brescia”

Il candidato sindaco Francesco Onofri ha presentato le liste che sostengono la sua corsa in Loggia. 56 gli aspiranti consiglieri, 24 donne e 32 uomini.

(red.) Alle 11, presso la sede di Piattaforma Civica in piazzale Arnaldo 2 sono state presentate alla stampa e al pubblico Sindaco Francesco Onofri e Piattaforma Civica per Francesco Onofri,  le due liste a sostegno del candidato sindaco Francesco Onofri, alle quali è affiancata anche la storica Civica Brescia che pure appoggia la candidatura di Francesco Onofri
“Sono molto contento che la squadra si sia potenziata e rafforzata con l’apporto di nuove e importanti energie. Continueremo a lavorare, ciascuno con la sua identità e le sue attitudini, a servizio della causa comune. Quella di un ritorno ad una politica generosa e coraggiosa, attenta ai bisogni della città e soprattutto pronta a far crescere di nuovo la nostra economia, le nostre imprese”. Così Francesco Onofri commenta le formazioni delle due liste che portano il suo nome.
Dopo diverse settimane di lavoro sui nomi e sulle candidature e dopo questi ultimi giorni in cui 1100 cittadini bresciani sono accorsi alla sede di piazza Arnaldo per firmare a favore delle due liste (alla media di una firma al minuto per 18 ore), dopo la formale presentazione  in Comune, sono stati presentati i nomi dei candidati per il Consiglio Comunale di Brescia.
Tra di loro – 56 candidati in totale, 28 per ogni lista, 24 donne e 32 uomini – ci sono, oltre ad alcune persone da anni attive a fianco di Onofri, i giovani della Piattaforma Under 25, i responsabili delle Piattaforme di quartiere che lavorano da mesi sulla rete del territorio, e soprattutto anche molte figure  nuove note e attive in città, che si sono distinte nei loro ambiti di attività, dal volontariato alla cultura, dalla sanità all’imprenditoria, dalla scuola al mondo professionale, dal lavoro dipendente all’università.
Molto importanti sono anche gli esponenti indicati, e scelti insieme, da Italia Futura e da Fare per fermare il declino, senza dimenticare l’appoggio degli sturziani Popolari Liberi e forti e il candidato consigliere indicato dall’associazione bresciana Carcere e Territorio.
Una rosa di candidati ampia e variegata, che testimonia l’attenzione che l’iniziativa politica di Francesco Onofri ha suscitato in città e che si connota non solo per rappresentare al meglio l’articolato tessuto sociale e i diversi quartieri, ma anche per aver saputo accogliere sensibilità culturali liberali e riformiste, con attenzione alle ricca realtà associativa.
Onofri ha proseguito: “ Dobbiamo guarire e riportare in alto le sorti della nostra Leonessa ferita, infondere coraggio e speranza nel futuro ai giovani, e per farlo dobbiamo correre veloci, senza le zavorre dei partiti, combattere e smascherare clientelismi e logiche di apparato e gli sfregi alla cosa pubblica svilita e ridotta a terreno per interminabili carriere personali e accaparramenti di parte. Occorre invece, con la mente libera da condizionamenti, creare relazioni ed opportunità di incontro e di “apertura” ad ogni livello, sia all’interno della nostra realtà, sia verso il mondo, a favore del lavoro, dell’impresa, dell’università e della nostra unicità culturale, artistica e storica”.
Il candidato di Piattaforma Civica ha quindi concluso: “È urgente, anche a livello nazionale, una rete di comunità, una politica che parta dal basso, dalla partecipazione dei cittadini, senza gli egoismi e i tradimenti di partito o le avversioni ideologiche che impediscono la costruzione di un forte legame tra le persone e di un libero patto civico, oggi indispensabili per affrontare la crisi con concordia e profondo senso di appartenenza. Per tornare a crescere Brescia deve ritornare alle origini, alla sua vocazione di città operosa, ricca e solidale. Questo l’obiettivo della mia candidatura e delle liste che la appoggiano”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.