Quantcast

A2A: “Niente Pcb nell’acqua bresciana”

Lo ha comunicato la multiutility. A dimostrazione, i risultati di oltre 2000 analisi effettuate nei pozzi, nelle sorgenti e lungo la rete di distribuzione.

Più informazioni su

(red.) In 20 anni è  mai stato riscontrato Pcb nell’acqua di Brescia.
Lo ha comunicato la A2A, con una nota stampa, con riferimento alle notizie uscite negli ultimi giorni, dopo la  puntata del programma televisivo “Presadiretta”. “Si precisa che l’acqua distribuita dal civico acquedotto cittadino, gestito da A2A Ciclo Idrico, è pienamente conforme al Decreto Legislativo 31 del 2 febbraio 2001 che disciplina la potabilità delle acque adibite al consumo umano. Ciò è dimostrato dai risultati delle oltre duemila analisi effettuate ogni anno da A2A Ciclo Idrico (in aggiunta a quelle dell’ASL) nei pozzi, nelle sorgenti e lungo la rete di distribuzione della città di Brescia. In particolare non è mai stata riscontrata la presenza di PCB in oltre vent’anni di controlli analitici eseguiti. Tutte le analisi effettuate da A2A Ciclo Idrico vengono annualmente trasmesse per competenza all’ASL”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.