Parco delle Cave, un tavolo di progettazione

La Consulta per l’Ambiente ha avviato la riflessione sull'area. No alla localizzazione di un nuovo palazzetto dello sport, di strutture commerciali o altri sviluppi edilizi.

(red.) La Consulta per l’Ambiente del Comune di Brescia, presieduta dall’avvocato Pietro Garbarino, ha avviato nelle scorse settimane i lavori di riflessione sul Parco delle Cave, così come sollecitato dall’Amministrazione Comunale in una recente comunicazione di Giunta del Gennaio scorso.
I lavori sono stati indirizzati innanzitutto a definire con cura il quadro tecnico, informativo e operativo entro cui la Consulta si muoverà nell’interazione con l’Amministrazione Comunale: massima trasparenza nel metodo di lavoro e nelle fasi operative; assoluta priorità ad una progettazione partecipata da parte di tutte le associazioni, i comitati di quartiere, i cittadini; rispetto del ruolo istituzionale della Consulta stessa.
“In tal senso”, la Consulta comunica alla cittadinanza e all’Amministrazione Comunale che “la riflessione in corso si riferirà all’area complessiva del futuro Parco delle Cave, piuttosto che ai soli spezzoni marginali a sud dell’autostrada, oggetto di schema di convenzione con la società Nuova Beton. La destinazione e configurazione di questi ultimi è chiaramente subordinata e complementare rispetto al disegno complessivo del Parco”.
Tutte le associazioni riunite nella Consulta ribadiscono inoltre la loro “netta contrarietà alla localizzazione nell’area del Parco di un nuovo stadio o palazzetto dello sport, di strutture commerciali o altri sviluppi edilizi. E’ necessario invece restituire quell’area alla città  in condizioni risanate e rinaturalizzate, nella forma, appunto, di Parco delle Cave. Senza escludere la possibilità di spazi per attività ludico-sportive leggere, come piste ciclo-pedonali, aree attrezzate, ecc., la cui tipologia e localizzazione faccia parte anch’essa della progettazione partecipata. La Consulta ribadisce il proprio impegno per progettare insieme alla cittadinanza la riqualificazione ecologica, non più differibile, della zona est della città”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.