Via Bonardi, il Tar dà l’ok alla moschea

La Prima sezione del Tribunale amministrativo ha annullato l'ordinanza della Loggia che imponeva il ripristino della destinazione d'uso commerciale dei locali.

Più informazioni su

(red.) La Prima sezione del Tar di Brescia (presidente GiuseppePetruzzelli, relatore Sergio Conti) ha annullato l’ordinanza notificata dalla Loggia all’ associazione islamica Al-Noor di via Bonardi , in città, la quale imponeva di ripristinare l’originaria destinazione d’uso commerciale dei locali (un ex negozio di generi alimentari) utilizzati, secondo il Comune, in modo illecito come luogo di culto.
Ma i giudici di via Zima, invece, hanno invalidato la prescrizione comunale. La pubblicazione del dispositivo è attesa per questo giovedì pomeriggio: si conosceranno dunque le motivazioni alla base della sentenza del Tribunale amministrativo.
La vicenda di via Bonardi si trascina da diversi mesi: a protestare contro quella che è stata definita una “moschea” i residentid ella zona che hanno sollevato la questione portandola all’attenzione della Loggia. Era stato anche effettuato un sit in di protesta davanti alle vetrine dell’associaizone islamica.
Contro l’ordinanza del Comune Al-Noor ha contestato la qualifica di luogo di culto della sede associativa che viene invece utilizzata come luogo di ritrovo e di aggregazione della comunità pakistana residente nel quartiere.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.