Quantcast

Stazione, “sicurezza disabili a rischio”

La denuncia di una donna disabile di Brescia: "Le persone con handicap, con gli operatori, costrette ad attraversare i binari per raggiungere quelli intermedi".

Più informazioni su

(red.) E’ una denuncia amara e, insieme, un appello, quello lanciato sulle pagine web del portale Superando.it da una donna bresciana, affetta da disabilità ed impegnata in una Lista Civica sulla situazione di inaccessibilità e di grave rischio per la sicurezza alla stazione ferroviaria della città.
Le persone con disabilità motoria, insieme agli operatori, sono infatti costrette ad attraversare i binari per raggiungere quelli intermedi.
“Per poter prendere i treni nella Stazione di Brescia”, ha affermato Arianna Colonello, componente della Lista Civica Brescia con la Gente “le persone con disabilità motoria sono costrette ad affrontare il pericolosissimo attraversamento dei binari, insieme agli operatori”.
Questo tipo di operazione sarebbe, tra l’altro,  vietato dalla legge, ma pare essere l’unica soluzione che consente di arrivare ai binari intermedi.
L’ascensore, infatti, porta solamente all’ultimo binario o dall’ultimo al primo, garantendo sì l’accesso al sottopassaggio, senza però poi consentire alla persona con disabilità di recarsi in superficie, a causa delle scale.
“Una situazione a dir poco rischiosa”, ha sottolineato Colonello, “sia per l’incolumità della persona disabile che per gli stessi operatori di Trenitalia delegati all’assistenza, pur indossando questi ultimi una divisa catarifrangente. Durante l’attraversamento dei binari, infatti, può accadere che arrivi improvvisamente un treno, che la persona disabile o anziana si senta male, o che cada accidentalmente durante l’attraversamento dei binari”. La palla (e le risposte) ora a Trenitalia.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.