Quantcast

Arriva “Super Mario” ed è subito gol

L’attaccante rossonero ha segnato una delle 10 reti con cui il Milan ha superato il Darfo nell’amichevole di giovedì. La famiglia decisiva nel ritorno in Italia del bomber.

(e.a.) Dopo aver ricevuto un lancio in profondità, Balotelli ha evitato il portiere avversario, dribblandolo sulla destra e appoggiando la palla in rete. Si è presentato così (un gol e due assist) ai suoi nuovi tifosi del Milan, dando un primo assaggio del suo talento.
Entrato nel secondo tempo dell’amichevole contro i dilettanti del Darfo Boario, l’attaccante ha mostrato subito un’ottima intesa con il compagno di reparto, e di Nazionale, El Sharawy, autore di un poker. Balotelli ha più volte provato il tiro, andando spesso a prendere palla a centrocampo e, in un paio di occasioni, si è lamentato con Abate e lo stesso El Sharawy per non averlo servito come voleva (guarda il video).
Per quanto riguarda l’esperienza inglese appena conclusa, Mario ha scelto la via del fair play. Il bomber bresciano ha voluto sottolineare che i tifosi del City rimarranno sempre nel suo cuore, indicandolo come i migliori della Premier e forse del mondo. Immancabile il saluto ai suoi ex compagni di squadra e a Roberto Mancini, con cui  ha vissuto momenti difficili, ma verso il quale prova profonda stima e gratitudine. Infine la promessa di seguire sempre le partite dei citizens e l’augurio di rivincere il campionato.
Il tifo per i colori rossoneri, il desiderio di tornare a misurarsi con la serie A, le incomprensioni con Mancini e con i compagni e qualche screzio con la tifoseria ma, soprattutto, il ritorno di Balotelli va attribuito alla nostalgia di casa che, sotto la pioggia e il cielo grigio di Manchester, si era fatta insopportabile, tanto da spingerlo a lasciare il campionato più bello e ricco del mondo e riabbracciare lo sgangherato calcio italiano.
Tra tutti, la più felice è Mamma Silvia, e non è un mistero che dietro all’affare dell’anno ci sia lo zampino della signora che tanto ha spinto per riavere a casa suo figlio. Ora Mario farà avanti e indietro da Milano. A Brescia, oltre all’affetto della sua famiglia, ad attenderlo ci sarà un appartamento sfarzoso, costoso e luminosissimo, con vista sullo stadio Rigamonti…per i tifosi del Brescia forse è ancora troppo presto per sognare, ma con Balo non si può mai sapere. Il futuro è tutto da scoprire.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.