Quantcast

Ed ora “Super Mario” fa sognare il Milan

Giovedì mattina firma del contratto e prima sgambata a Milanello per il nuovo acquisto rossonero. Nel pomeriggio probabile esordio nell’amichevole con i bresciani del Darfo.

(e.a.) Quello da Londra a Milano non è certo un volo transoceanico ma, quando si tratta di Mario Balotelli, nulla è semplice e nulla va dato per scontato.
Così, l’ora o poco più che separano il passaggio dell’attaccante bresciano dalla Premier League alla Serie A, si trasforma in una lunga giornata di ritardi, attese e colpi di scena. Mercoledì mattina, incuranti del freddo e della nebbia, giornali, radio e tv, sono accorsi all’aeroporto di Linate in attesa di “Balo” e delle sue prime dichiarazioni italiane. Ma, come un fulmine a ciel sereno, ecco arrivare la notizia che il figliol prodigo tanto atteso arriverà a Malpensa. Via le telecamere, spenti i microfoni e tutti di corsa al principale scalo milanese. E finalmente, dopo tanta attesa, alle 16,52 di mercoledì, Super Mario scende gli scalini dell’aereo che lo ha riportato a casa.
Le prime parole dell’attaccante sono state di stima e affetto verso il Milan, squadra di cui è da sempre tifoso e nella quale, dice, voleva venire a giocare da tempo. La seconda tappa del ritorno “balotelliano”, ha portato il campione all’ospedale di Busto Arsizio, dove ha sostenuto le visite mediche, mentre in serata tappa obbligata al ristorante “Giannino” di Milano. Immancabili i tifosi che, ad ogni spostamento, si sono presentati numerosi e festanti.
Giovedì mattina Balotelli ha sostenuto la seconda tranche dei controlli fisici, la firma del contratto, che gli frutterà 4 milioni all’anno più bonus,e lo legherà ai rossoneri fino al 2017 e, probabilmente, il primo allenamento a Milanello. Infine, sempre a Milanello, oggi pomeriggio si parlerà bresciano. Infatti, alle 14,30 è prevista l’amichevole contro il Darfo alla quale dovrebbe prendere parte anche Super Mario. La possibilità di una sfida tra i rossoneri e i neroverdi è germogliata nelle scorse settimane grazie agli agganci che l’allenatore Giuliano Melosi e il preparatore atletico Ciro Impronta, hanno negli ambienti milanisti. Per il Darfo e i suoi giocatori sarà una vetrina importante. Data storica anche per il Milan e i suoi tifosi, che potranno finalmente vedere all’opera Balotelli, il campione che secondo le intenzioni di Silvio Berlusconi e Adriano Galliani dovrà riportare la squadra ai massimi livelli in Italia e in Europa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.