Quantcast

Paroli contro Paroli per la poltrona da sindaco

Gianfranco, fratello del primo cittadino, ha deciso di scendere in campo per la corsa in Loggia. A determinare la scelta le vicende della "movida" al Carmine.

(red.) Sarà una novella “guerra dei Roses” quella che si combatterà per la corsa alla Loggia? Già perché in campo, oltre alla candidatura dell’uscente sindaco Adriano Paroli c’è anche un altro Paroli, ovvero, il fratello del primo cittadino, Gianfranco che ha deciso di candidarsi alle amministrative di primavera a seguito degli ultimi avvenimenti sul caso “movida” al Carmine.
Il fratello di Paroli, infatti, appartiene a quel gruppo di residenti esasperati dalla vita notturna che ha promosso una serie di iniziative di protesta contro il Comune (tra cui anche un’annunciata messa in mora dell’amministrazione), reo di non avere fatto nulla per risolvere il problema del fracasso e del disordine durante le ore notturne nel quartiere.
A far scattare la decisione di concorrere per la poltrona di sindaco è stata la decisione della Loggia di attivare una Ztl nell’area compresa tra via Marsala e via delle Battaglie.
Un provvedimento che, secondo il fratello di Paroli “non serve a nulla”. Ad amareggiare Gianfranco anche il fatto che la lettera di messa in mora non sia mai giunta all’avvocatura civica.
Il nome della lsita? Un civica denominata semplicemente “Lista Gianfranco Paroli”, che oltre al fratello dell’attuale numero uno in Loggia, presenta 32 candidati (metà uomini e metà donne) tutti residenti nel quartiere Carmine e senza affiliazioni politiche.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.