Quantcast

Artematica, Bardelli: “Nessuna consulenza”

Lo studio del presidente della Cdo di Milano smentisce l'ipotesi di Bragaglio. "Non siamo noi gli estensori del contratto con la società di Brunello".

Più informazioni su

(red.) “Non siamo noi gli estensori del contratto con Artematica”.
Lo studio legale milanese dell’avvocato Guido Bardelli, presidente della Cdo di Milano smentisce l’ipotesi avanzata dal consigliere Claudio Bragaglio, secondo cui dietro la stesura del famigerato contratto ci sarebbe la mano della Compagnia delle Opere. Come riportato dal Giornale di Brescia, la referente dei rapporti tra lo studio di Bardelli e Fondazione Brescia Musei, avrebbe spiegato che “abbiamo sicuramente fornito consulenze e assistenza alla fondazione come amministrativisti, ma non siamo gli estensori del contratto con Artematica”.
Sembrerebbe dunque confermato, per ora, quando detto dal presidente della Fondazione Fausto Lechi, ovvero, che “l’assistenza legale ricevuta dalla Fondazione nella fase di redazione del contratto non si è estrinsecata nella forma del parere scritto“.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.