Quantcast

Ceneri: A2A chiede incontro con i comitati

L'utility ha invitato a un'assemblea alcune associazioni ambientaliste per chiarire la notizia sull'impianto di smaltimento sperimentale del termoutilizzatore.

(red.) Mentre a Brescia giunta di centrodestra e opposizione di centrosinistra hanno detto no al progetto dell’impianto sperimentale per la raccolta delle ceneri del termoutilizzatore, A2A continua a lavorare sull’iniziativa, ignorando nei fatti la linea del proprio azionista di maggioranza. L’utility nata dalla fusione tra Asm e Aem Milano ha infatti chiesto ad alcuni gruppi ambientalisti un incontro chiarificatore. Ecco il testo della mail ricevuta da alcune realtà territoriali bresciane.
“Gent.mi Rappresentanti delle Associazioni Ambientaliste, Consumatori e dei Comitati Civici”, si legge nel testo scritto dall’ufficio comunicazione e relazioni esterne di Milano, “con riferimento alle notizie emerse nelle scorse settimane in merito al termoutilizzatore di Brescia e al nuovo impianto sperimentale per il recupero delle ceneri leggere del termoutilizzatore, vi proponiamo di partecipare ad un incontro tecnico-informativo a voi dedicato che si terrà giovedì 23 agosto alle ore 14,30 al Termoutilizzatore in via Malta 25/R a Brescia”.
La breve missiva continua. “Dato il periodo, probabilmente non sarà possibile la partecipazione di tutti gli interessati all’argomento, questo però vuole essere il primo di una serie di incontri informativi sulle attività e sugli impianti di A2A  con l’obiettivo di instaurare un dialogo diretto con il territorio. All’incontro parteciperà Paolo Rossetti, Direttore Area Tecnico-Operativa di A2A, dopo la presentazione sarà possibile rispondere ad eventuali vostre richieste di approfondimento. Chiedo cortesemente di divulgare questa mail anche a tutti i referenti dei Comitati interessati e, per motivi organizzativi,  inviare conferma della vostra partecipazione entro mercoledì  22 agosto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.