Quantcast

Sanità: “Da Daccò 9 mln a Formigoni”

Secondo Il Fatto quotidiano, questa la cifra spesa dal faccendiere per il presidente della Regione in regali e investimenti. Il governatore: "Falsità, pronte querele".

(red.) Sarebbero circa 9 i milioni di euro spesi per Roberto Formigoni e il suo entourage da Pierangelo Daccò, ora in carcere per le inchieste sulla Fondazione Maugeri e il San Raffaele.
A fare il conto è il Fatto Quotidiano che cita una informativa segreta della polizia giudiziaria di 200 pagine inviata al procuratore aggiunto Francesco Greco e ai pm Luigi Orsi, Laura Pedio, Gaetano Ruta e Antonio Pastore.
L’articolo parla di 20 milioni movimentati da Daccò e da Antonio Simone, anche lui in carcere.
Di 11 milioni non si sarebbe potuta verificare la destinazione, mentre quattro milioni sarebbero lo ‘sconto’ ”di cui hanno goduto Formigoni e Perego a cui Daccò ha venduto una villa in Sardegna’‘, 3,7 milioni sarebbero andati per acquistare imbarcazioni di lusso e per mantenerle dal 2007 al 2011, 800 mila euro per vacanze e biglietti aerei, 70 mila euro per il meeting di Cl, mezzo milione per eventi e incontri in ristoranti rinomati ”con Roberto Formigoni e altri politici, dirigenti e funzionari della sanità lombarda, dirigenti di strutture sanitarie pubbliche e private”.
Inoltre, nell’elenco ci sono 600 mila euro transitati dal conto Ramsete della Maugeri al contro Sikri di Daccò, soldi che sarebbero stati ricevuti per la campagna elettorale del Pdl per le regionali del 2010 ma che Daccò dice di aver tenuto per sè. ”Mera dichiarazione di circostanza” scrivono gli investigatori in un passaggio citato dal Fatto, “per non coinvolgere l’amico politico”.
”Quanto annunciato da Il Fatto Quotidiano e da La Repubblica oggi è completamente falso e destituito da ogni fondamento”: a dirlo è il presidente della Lombardia, Roberto Formigoni, dopo gli articoli pubblicati dai due quotidiano riguardo alle inchieste sulla sanitàlombarda.
”Basta leggere i due pezzi con un minimo di attenzione. Oggi stesso”, ha annunciato in un comunicato, “i miei legali presenteranno querela e richiesta danni a carico dei due quotidiani”.
Il governatore ha anche fissato una conferenza stampa “in cui mostrerà come Il Fatto e Repubblica truccano le carte”, si legge in una nota del Pirellone.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.