Quantcast

Piazza del Mercato, si punta al rilancio

L'assessore al Commercio, Maurizio Margaroli, a chiusura dell'ultimo bando per l'assegnazione delle postazioni, annuncia regole più severe per le aperture.

(red.) In piazza Mercato a Brescia le bancarelle volute dalla Loggia non riescono a “decollare”, ma l’assessore al Marketing del Comune, Maurizio Margaroli, rilancia la sfida dei banconi super tecnologici, affidati tramite un bando ai venditori ambulanti che ne hanno fatto richiesta, e si dice certo che dal prossimo luglio il commercio ambulante in quella zona rifiorirà.
Attualmente  solo cinque ambulanti sono in piazza tutti i giorni, affiancati da postazioni ostinatamente chiuse.
Ma questa situazione dovrebbe durare ancora poco, perché, come ha spiegato l’assessore al Commercio in Loggia, l´ultimo bando è stato chiuso e i nuovi assegnatari avranno l’obbligo di rispettare le aperture, fissate Comune, dalle 8,30 alle 19,30.
Nessuno insomma, potrà più fare come gli pare, aprendo solo il sabato o qualche giorno della settimana.
In realtà, al momento dell’avvio del mercato, la manciata di ambulanti che ha deciso di aprire si è ritrovata poi “ostaggio” degli altri colleghi “fantasma”. I banchi spesso chiusi scoraggiano infatti i clienti che sempre più difficilmente mettono piede in piazza.
Una situazione che Margaroli vuole capovolgere, continuando a credere nel progetto dell’amministrazione.
Dall’altro lato i commercianti presenti lamentano la mancanza di pubblicità al mercato, sulla quale il Comune dovrebbe maggiormente puntare.
Margaroli ha però precisato che il battage pubblcitario ci sarà solo quando tutte le postazioni saranno in funzione, diversamente non avrebbe sesnso, rimarcando anche di avere abbassato il canone di locazione dei banchi, passato a 400 euro al mese, compreso plateatico e Tarsu.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.