Quantcast

Grana, “130 mln di euro di danni per il sisma”

Beccalossi è stata nominata relatrice del decreto legge "Terremoto" per la materia agricola. Almeno un milione le forme di formaggio cadute.

Più informazioni su

(red.) “Una settantina di caseifici del Grana Padano e del Parmigiano-Reggiano colpiti dal sisma, più di un milione di forme cadute a terra e, in base alle prime  indicazioni, un’entità del danno assoluto certamente superiore a 130-140 milioni di euro, dei quali non più di 35-40 milioni si auspica vengano  coperti dalle polizze assicurative presenti”. Sono i dati illustrati dall’onorevole Viviana Beccalossi, nominata  dalla Commissione Agricoltura della Camera come relatrice del decreto legge ‘terremoto’ per la materia agricola, dopo l’incontro con i rappresentanti del settore, tra i quali erano presenti Regione Emilia Romagna e Lombardia, Organizzazioni Professionali, Consorzi di Tutela come Grana Padano e Parmigiano Reggiano, e i Consorzi di Bonifica.
“Abbiamo fatto il punto della situazione”, ha detto Viviana Beccalossi, “e tratteggiato i punti essenziali di una strategia concreta per consentire operazioni tempestive ed efficaci: ogni intervento sarà supportato da tutte  le forze politiche, in condivisione, e non da iniziative di singoli esponenti di partito”.
Tornando alle criticità esposte dai Consorzi Grana Padano e Parmigiano Reggiano, tra i più colpiti dal terremoto, è stato stimato che per il danno economico creato dal sisma sono necessari almeno 80 milioni di euro. A questo riguardo, i Consorzi hanno chiesto di destinare a tal fine 15 milioni nell’ambito dei fondi stanziati dal DL ‘sviluppo’, approvato dal Consiglio dei Ministri venerdì 15 giugno per ‘misure di sostegno del settore agricolo e specifici interventi di contrasto alle crisi di mercato’.
Per la quota  restante, pari ad almeno 65 milioni di euro, si ritiene si possa inserire una specifica previsione normativa nell’ambito del provvedimento che prevede la conversione in legge del decreto-legge sugli interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.