Quantcast

Fiumi, colline e parchi: è il festival Acque e Terre

La rassegna è giunta all'ottava edizione. Musica e teatro tra il Garda e la Valsabbia. Tutti gli spettacoli sono gratuiti tranne che la serata di Lella Costa.

Più informazioni su

(p.f.) Fiumi, colline, parchi: quale migliore palcoscenico per uno spettacolo? Torna, per l’ottavo anno, il festival “Acque e Terre”, concerti, spettacoli, incontri immersi nella natura. Un’iniziativa promossa dai comuni di Calcinato, Calvagese della Riviera, Gavardo, Nuvolento, Nuvolera, Odolo, Paitone, Rezzato, Sabbio Chiese, Serle, Soiano del Lago, Villanuova sul Clisi, Vobarno, con il patrocinio della Provincia di Brescia.
“Ci sono luoghi”, ha spiegato il direttore artistico Vittorio Pedrali, “che sono inusuali per l’arte. Noi siamo andati a riscoprirli, con un effetto che è piaciuto al pubblico: lo scorso anno sono state registrare 13mila presenze”. E quest’anno si spera, almeno, di replicare. “I tagli e il patto di stabilità”, ha spiegato l’assessore alla cultura di Calcinano Stefano Vergano, “sono sempre più stringenti, e diventa sempre più difficile dare spazio alla cultura. Siamo soddisfatti, così, di poter presentare anche quest’anno, nonostante tutto, questo straordinario Festival”. All’interno di contesti suggestivi, come il Parco dell’Isola di Villanuova, l’Altopiano di Cariadeghe a Serle, il Castello di Soiano del Lago, la Fonte Sum di Nuvolento, ma anche aree private, come il Castello della famiglia Bianco Speroni di Nuvolera o l’Azienda Agricola La Torre di Calvagese, si sviluppano i due fili conduttori del Festival: Viaggi di Acqua e Memorie di Terra.
Viaggi di Acqua sarà dal 21 giugno al 21 luglio, mentre la seconda parte del festival, Memoria di Terra, dal 28 agosto al 14 settembre.  “La crisi e l’austerità”, ha commentato Emanuele Vezzola, sindaco di Gardone, “non devono significare impoverimento culturale. Al contrario, pur con grandi sforzi e sacrifici, dobbiamo puntare sulla cultura”.  “Occasioni davvero imperdibili”, ha aggiunto Ermanno Comincioli, sindaco di Villanuova, “per conoscere meglio il proprio territorio e  fruire di spettacoli di altissima qualità”. Per Viaggi di Acqua sono in programma cinque appuntamenti musicali e cinque spettacoli teatrali.
Il primo appuntamento con il teatro è fissato per il 26 giugno a L’Palas, ora proprietà Ragnoli di Serle. In scena, l’Associazione Teatro 19 con “Donne di terra”, una produzione dedicata al mondo contadino e agli antichi lavori femminili. Si continua il 2 luglio con “Terra. Storie di corpi, di sogni, di trasformazioni”, serata di chiacchiere e letture con Lucilla Giagnoni, alla Fonte Sum di Nuvolento. Il 3 luglio, alla Cascina San Giacomo di Rezzato, lo spettacolo “Antropolaroid” di e cono Tindaro Granata, già insignito del Premio della Critica dell’Associazione Nazionale Critici di Teatro 2011.
Lella Costa sarà invece il 7 luglio a Villanuova sul Clisi con “Femminile e Singolare. Vedi alla voce poetessa”. Letteratura ancora protagonista il 13 luglio in “Racconti in cammino”, notte letteraria sull’Altopiano di Cariadeghe a Serle. Per quanto riguarda gli appuntamenti musicali, invece, si comincia il 21 giugno con i Jig Rig, che trascineranno il pubblico con sonorità celtiche, in piazza della Repubblica a Calcinato, in un concerto dedicato al canto delle scogliere: un viaggio tra le sonorità di Irlanda, Scozia e Bretagna. Si continua il 29 giugno in piazza Marconi, a Gavardo, con gli FBA, che proporranno una personalissima interpretazione del folk celtico, mescolando l’idioma angolassone e gaelico con i tanti dialetti lombardi. Il 6 luglio, a Nuvolera, poi, appuntamento con la taranta. I Sabatum Quartet portano il ritmo della Calabria nel Castello di proprietà Bianco Speroni. Sabbio Chiese ospiterà invece il Collettivo Mazzulata, band che propone il genere ratafolk, mix tra musica tradizionale italiana ed altri stili: con loro, l’appuntamento è l’11 luglio nella piazzetta di Pavone. Il 21 luglio, infine, si chiude al Castello di Soiano con Stefano Zeni, bresciano che nel 2011 è stato promosso dalla rivista Jazzit al secondo posto tra i migliori violinisti italiani.
Tutti gli spettacoli, tranne quello di Lella Costa, sono a ingresso libero. Per la seconda parte del Festival, le Memorie di Terra, il calendario sarà presentato entro la prima metà di luglio. Tutte le informazioni saranno reperebili tra breve sul sito www.acqueterrefestival.it.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.