Quantcast

Belsito ordinò dossier su Maroni: “Il Capo sapeva”

L'esistenza del fascicolo confermata dallo stesso ex ministro dell'Interno che l'ha definito "ridicolo". Si profila una "guerra civile" tra cerchisti e maroniani?

(red.) Nella Lega Nord è scoppiata la ‘guerra dei dossier’. Niente di particolarmnete nuovo, se si pensa al “caso bresciano” del presunto dossieraggio messo in atto dall’ex assessore regionale allo Sport Monica Rizzi per facilitare l’ascesa del suo pupillo Renzo Bossi, figlio del senatur, poi eletto alle scorse regionali del 2010 con 13mila preferenze nella circoscrizione di Brescia.
Ma ora c’è una nuova inquitenate vicenda che si aggiunge alle tegole già cadute sul Carroccio in queste ultime settimane: l’ex tesoriere Francesco Belsito (indagato per truffa ed appropriazione indebita) avrebbe messo in atto una ”attività di spionaggio” per ”screditare” Roberto Maroni.
L’ex ministro ha confermato l’esistenza del dossier (”io l’ho visto”, ha ammesso), sottolinendo di non aver nulla da nascondere (”è ridicolo”) e passando immediatamente al contrattacco con una rivelazione bomba: ”Sembra che il dossier sia stato pagato con i soldi della Lega”, ha affermato. E’ il via, di fatto, ad una contro-indagine interna per scoprire ”se qualcuno sapeva o era consenziente”.
Intanto, proprio Maroni ha illustratola proposta leghista di riforma del sistema di finanziamento dei partiti, invitando a fare ”un salto qualitativo e culturale” con la rinuncia totale ai finanziamenti.
Il triumviro del Carroccio si  è detto favorevole ad ”un modello americano, seppur rivisto”, nel quale ”i partiti si devono autofinanziare, reperendo le risorse sul territorio, tra la gente”.
Ma è il caso dei dossier a tener alta la tensione. L’accusa dell’ex responsabile del Viminale è pesantissima e appare rivolta ai ‘nemici’ del Cerchio Magico che, però, non cita mai.
D’altronde, lo stesso Belsito sottolinea che una certa attività investigativa nei confronti del leader dei ‘Barbari sognanti’ a gennaio l’aveva avviata”, ha spiegato a Panorama, “per fare un po’ di ricerche su quelli che sostengono di essere ‘trasparenti, puliti e corretti’, perchè ”presto”, ha minacciato, “ognuno dovrà assumersi le proprie responsabilità”.
La procura di Milano lascia trapelare che allo stato, tra le carte esaminate dagli investigatori che indagano sulle distrazioni dei fondi della Lega, non risulta alcun presunto dossier di Belsito. Tra gli ‘spiati’ (si vocifera in ambienti del Carrocci) potrebbero esserci anche alcuni deputati maroniani.
Le indagini non spaventano Maroni. ”E’ incredibile che l’ex ministro dell’Interno sia stato oggetto di attività di dossieraggio”, ha affermato il triumviro lumbard. “Il dossier contiene cose inventate e inverosimili. Si è ‘scoperto’ che avevo una grande barca a Portorose, in Slovenia; invece era Portorosa di fronte alle Eolie, dove qualche anno fa avevo una piccola barca”.
”Sono stato accusato io di fare dossier e complotti ma invece emerge che e’ il contrario”, ha chiosato. Il leader leghista ha evitato di rispondere a chi gli chiedeva se Umberto Bossi fosse stato a conoscenza del dossier; Belsito ha rivelato invece che con il Capo aveva parlato: ”Gli ho detto che mi sentivo accerchiato e che stavo cercando di capire alcune cose su Maroni. Se mi ha scoraggiato? In realtà non mi ha detto niente”.
Comunque siano andate le cose, certamente nei prossimi giorni se ne saprà di più, il caso dei dossier in salsa leghista apre un nuovo squarcio all’interno del Carroccio, già dilaniato da una ‘guerra civile interna’ che contrappone maroniani e cerchisti.
Intanto, Rosy Mauro ha confermato che non farà alcun passo inidetro, non si dimetterà da vicepresidente del Senato.
Il senatore ed ex vice-capogruppo Lorenzo Bodega invece ha confermato le sue dimissioni dal gruppo leghista al Senato in polemica con la decisione di espellere proprio Rosy Mauro: ”Non prevalgano il rancore e la mancanza di riguardo. La situazione è precipitata e io non posso assistere alla giustizia sommaria esercitata contro il nostro leader indiscusso”, ha detto. Un sostegno a Bodega è arrivato dal deputato ligure Giacomo Chiappori: ”Capisco cosa lo ha spinto”, ha dichiarato, ” ma non ne condivido la scelta perchè la Lega è ancora casa nostra. E gente come noi la può ancora difendere, ma solo dall’interno, come io farò ”.
Maroni ha ‘glissato’ anche la domanda dei cronisti sulla decisione del senatore Bodega ma non ha resistito alla tentazione di ironizzare: ”Le dimissioni di Bodega? Bodega, Bodega.. Boh”, ha scherzato fingendo di non ricordare il nome del senatore.
Sullo sfondo resta il congresso federale di fine giugno: si preannuncia un regolamento di conti. E la guerra dei dossier potrebbe essere solo il primo colpo di scena.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.