Quantcast

Sereno, nell’acqua dell’asilo cromo nei limiti

I genitori hanno commissionato privatamente delle analisi. Ma la paura resta, perché la legge in materia è poco chiara e le famiglie chiedono acqua in bottiglia.

(red.) Le analisi commissionate privatamente da un gruppo di genitori della materna Filippo Neri del Villaggio Sereno confermano quelle pubbliche: il cromo esavalente è presente nell’acqua del rubinetto in quantità minori ai limiti di legge.
L’Indam ha rilevato nei tre flaconi prelevati dal bagno 8,2 microgrammi per litro di cromo esavalente e 16,2 microgrammi per litro di cromo totale. Per il primo dato non c’è un limite di legge, per il secondo si parla di 50 microgrammi litro. Un’iniziativa simile era stata fatta anche in altre scuole.
Tutto nei limiti di legge, insomma, anche se l’assenza di un tetto massimo per il cromo esavalente certo non contribuisce a rassicurare i genitori che più volte hanno chiesto di far consumare ai bimbi solo acqua in bottiglia e hanno iniziato una raccolta firme (107 per ora), scrivendo una lettera agli assessori comunali e ai dirigenti. Le famiglie vogliono analisi più frequenti e che attingano l’acqua dal rubinetto della scuola, visto che in passato c’erano state alcune discrepanze.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.