Quantcast

Francesca tormentata dall’ossessione di Mario

Martedì mattina l'uomo che ha ucciso quattro persone sarà sentito dal gip durante l' interrogatorio di garanzia. In giornata verranno anche eseguite le autopsie.

(red.) Una separazione, che però non aveva coinciso con un taglio netto dei rapporti. Una relazione che nascondeva ancora un sentimento, fino a che lei non aveva incontrato un altro uomo.
In un primo tempo questo sembrava il quadro della storia tra Mario Albanese e Francesca Alleruzzo, ammazzata dall’ex assieme al nuovo amico, alla figlia ventenne e al fidanzatino di lei. Ma nuovi particolari sulla vicenda fanno capire che quanto accaduto sabato notte in via Raffaello, a San Polo, non è stato un fulmine a ciel sereno.
Mario, che i vicini nelle ore subito dopo il delitto descrivevano come un tipo tranquillo, forse non lo era. Almeno quando si trattava di Francesca.  Una mattina la donna, che faceva la maestra, si era presentata a scuola con un occhio nero. E pare che Mario una volta sia andato alla scuola Raffaello Sanzio, presentandosi in segreteria e insultando il personale. Urla, un computer sbattuto per terra e tutto perché nella sua logica a Francesca era stato fatto uno sgarro. Ci sono poi gli sms inviati da Albanese alla moglie: “Dove sei, ho controllato ma non ti ho trovato”.
Dall’istituto nessuno commenta e il dolore per la perdita di Francesca viene affidato agli striscioni colorati dai piccoli alunni: “Anche se sei morta saremo al tuo fianco. Eri la maestra più brava del mondo”; “I tuoi ragazzi della 2° G e 2° H ti porteranno sempre nei loro cuori”. E poi fiori per ricordare la vita spezzata di Francesca e dei suoi cari.
Martedì mattina Mario Albanese sarà sentito dal gip durante l’ interrogatorio di garanzia. In giornata verranno anche eseguite le autopsie sulle quattro vittime.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.