Quantcast

Numero unico “112” alla ex caserma Goito?

Potrebbe essere ospitato nella sede di via Callegari, il Call center del numero unico europeo per le emergenze, operativo dalla fine del 2012.

Più informazioni su

(red.) Potrebbe essere ospitato nella sede della ex caserma “Goito” a Brescia, in via Callegari,  il Call center del numero unico europeo 112, operativo dalla fine del 2012.
Il modello è quello del ‘call center laico’, in grado cioè di raccogliere le chiamate di tutti i numeri di emergenza (112, 113, 115 e 118, vale a dire Polizia, Carabinieri, Vigili del Fuoco, Emergenza sanitaria, Protezione civile e Polizia locale) e di smistarle. Tre le sedi individuate: Varese, Milano e, appunto, Brescia.
Tra le caratteristiche principali del nuovo servizio 112 la localizzazione, cioè la possibilità per gli operatori di individuare subito il punto da cui parte la chiamata e l’accessibilità sia per i disabili, con un apposito servizio di messaggistica, sia per gli stranieri, grazie al contributo di interpreti specializzati.
Una prima sperimentazione del numero unico di emergenza europeo 112, la cui attivazione è obbligatoria per tutti gli Stati membri dell’Unione europea, è stata attivata il 21 giugno 2010 presso la centrale operativa del 118 di Varese, proprio secondo il modello del ‘call center laico’. Questa sperimentazione è tuttora in corso e proseguirà per tutto il 2011, grazie anche ai nuovi fondi (1,4 milioni) messi a disposizione dal Ministero dell’Interno.
In vista dell’apertura del ‘call center laico’ è stata data la possibilità ai dipendenti del comparto sanità e delle categorie equiparate del comparto regioni/enti locali, di scegliere di lavorare al nuovo centro epr lo smistamento delle emergenze.
I dipendenti che desiderano essere trasferiti al nuovo servizio  devono manifestare il proprio interesse direttamente all’azienda di appartenenza. Nella nuova sede del numero unico 112 di Brescia troveranno posto 80 lavoratori che dovranno coprire tre turni su 24 ore.
E’ stato stimato che, dalle 33 centrali oggi esistenti, si arriverà ad averne solo 3 con evidenti vantaggi in termini di razionalizzazione, efficienza e risparmio di risorse. In particolare, con l’entrata in vigore del numero unico europeo è stato calcolato che le chiamate operative si ridurranno nella misura del 40%.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.