Quantcast

Cimitero Vantiniano, restauro a costo zero

Merito di uno studente della facoltà di Genova, Wusam Lkoly, che svolgerà il lavoro sui due leoni dell'ingresso senza compenso. In primavera.

(p.f.) Restyling a costo zero per il cimitero Vantiniano di Brescia. Sono partite le operazioni di restauro dei due leoni in pietra all’ingresso del campo santo monumentale di via Milano. L’operazione è condotta dall’ufficio Centro Storico del comune, che ha deciso di seguire Wusam Lkoly, uno studente della laurea specialistica in restauro dell’Università dei Genova, impegnato in una tesi sulle problematiche della conservazione e sul restauro del Vantiniano.
Dall’esigenza di Wusam di studiare il restauro nel maggiore cimitero cittadino, è nata l’idea di una partnership, che per l’amministrazione si traduce in restauro a costo zero. Sarà il giovane, infatti, ad occuparsi in prima persona del restauro, mentre il noleggio del laser per la pulitura è offerto da Archea Srl, che sponsorizza l’iniziativa. “E’ una formula innovativa”, ha commentato l’assessore Mario Labolani, “che speriamo di riprendere anche in futuro, perché consente agli studenti di lavorare sul campo, e all’amministrazione di intervenire sui monumenti a costo zero. Il Vantiniano forse è poco conosciuto dai bresciani, ma a livello internazionale è molto ammirato e riceve la visita di molti turisti. E’ importante, anche per questo, valorizzarlo”.
La tecnologia usata per il restauro è poco invasiva e garantisce elevata precisione nel processo di pulitura. “Si sfruttano delle leggi fisiche”, ha spiegato Wusam, “per cui la luce pulsante del laser annulla il nero dell’inquinamento che si è depositato negli anni sui monumenti”. I lavori sul primo leone dureranno una settimana; in primavera, sarà restaurato anche il secondo. “L’innovazione tecnologica si coniuga con il restauro dei nostri monumenti”, ha concluso Emanuela Vizzardi dell’assessorato al Centro Storico, “per noi, poi, il lavoro di ricerca degli studenti sarà molto importante: potremo utilizzare le loro tesi come base per progetti futuri”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.