Petizione contro il parcheggio al Cidneo

Il Comitato delle associazioni ha indetto una raccolta firme contro il progetto di un'area di sosta sotto il Castello di Brescia. "Opera inutile e dispendiosa".

Più informazioni su

(red.) Una campagna di sottoscrizioni per dire “no” al parcheggio sotto il Castello di Brescia. La petizione viene lanciata ufficialmente questo sabato alle 15 sotto la Pallata, in centro storico.
A promuoverlo il Comitato delle associazioni, composto da una dozzina di realtà (Acli, Amici della bici, Brescia per passione, Codisa, Comitato per la salute, rinascita e salvaguardia del centro storico, Coordinamento comitati ambientalisti Lombardia, Ecodem, Gamete09, Gnari de Mompià, Italia nostra, Legambiente), deciso a far sentire la propria voce con una mobilitazione per chiedere al Comune di abbandonare il progetto, ritenuto “inutile e dispendioso”, a favore di un diverso utilizzo delle risorse.
Oltre alle firme contro il parcheggio sotto il Cidneo, il Comitato chiederà ai cittadini di sottoscrivere le osservazioni al Pgt sul parking al Castello.
Perché questa opposizione alla realizzazione dell’opera? Le obiezioni espresse dal Comitato sono molteplici. Innanzitutto la presenza di un parcheggio già esistente vicino alla galleria Tito Speri, quindi la contraddizione tra l’avvio della metropolitana leggera per favorire il trasporto pubblico locale e l’incentivazione all’utilizzo dei mezzi privati con la messa a disposizione di una nuova area di sosta a pagamento. Oltre, naturalmente, ai costi per l’intervento, giudicati inutilmente dispendiosi.
Per Giorgio De Martin, che con la segreteria cittadina del Pd appoggia l’iniziativa del Comitato, le risorse messe a bilancio dalla Loggia per il parcheggio (23 milioni e 800 mila euro), sono “uno spreco inutile di risorse pubbliche”, in considerazione anche del fatto, sottolinea l’esponente democratico, dell’introduzione dell’addizionale Irpef e dell´annunciata mancanza di fondi per la realizzazione delle opere complementari al Metrobus.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.