Clima, un plotone di scienziati alla Cattolica

A Brescia un convegno di quattro giorni con 100 studiosi per l'avvio del progetto europeo sullo studio dei cambiamenti climatici e della qualità dell'aria.

(red.) In Cattolica, più di cento studiosi,  provenienti da dieci paesi europei, riuniti in 39 gruppi di ricerca,  si sono dati appuntamento a Brescia (Centro Paolo VI)  dal 24 al 27 ottobre  per dare avvio al progetto  europeo Eclare (Effects of climate change on air pollution impacts and response strategies for European ecosystems) di cui il Dipartimento di Matematica e fisica della Cattolica è partner per l’Italia con il Cnr.
Gli studiosi cercheranno di dare risposta ai cambiamenti climatici in corso e anche delineare un possibile scenario futuro dell’ambiente e del nostro pianeta.
Il convegno prende il via questo pomeriggio alle 14 nel salone Morstabilini del Centro pastorale Paolo VI di via Gezio Calini 30.
Presenti diversi scienziati di fama internazionale come il professor David Fowler, già direttore del centro di ricerca leader del progetto con un seminario divulgativo aperto alla città sull´inquinamento atmosferico.
Il progetto, avviato nel settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo tecnologico dell’Ue, si svilupperà per 48 mesi (si concluderà nel settembre 2015). Gli obiettivi puntano a valutare come cambierà la qualità dell’aria in Europa in seguito ai cambiamenti climatici e quali saranno gli effetti che questi cambiamenti causeranno sugli ecosistemi naturali agricoli e forestali.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.