Quantcast

Piazza Mercato, pronti i nuovi banchi

Sono come dei mini negozi. Misurano sei metri per due, hanno vetrine, frigoriferi, luce, acqua. E la sera si chiudono con facilità. Apriranno a fine anno.

Più informazioni su

(red.) Sono come dei mini negozi all’aperto. Misurano sei metri per due, hanno vetrine, frigoriferi, luce, acqua e allacciamento telefonico (per pagare col bancomat). E la sera si possono chiudere con facilità, grazie a un dispositivo elettronico, che imita quello di piazza delle Erbe a Padova.
Le nuove bancarelle di piazza del Mercato sono state presentate sabato pomeriggio, davanti a una folta rappresentanza del consiglio comunale. E’ stata solo un’anteprima, perché non apriranno prima della fine dell’anno, ma i bresciani hanno potuto osservare un prototipo.
Costati 1 milione e 240mila euro (di cui 990mila finanziati dal ministero del Tesoro, i banchi saranno semifissi, e potranno quindi essere spostati. per consentire di spostarli liberando completamente la piazza in caso di iniziative speciali o particolari necessità.
In tutto le bancarelle saranno 14 e potranno “aggiudicarsele” gli esercenti che avranno le caratteristiche più idonee per il bando comunale che è scaduto l’11 ottobre. I banchi, di proprietà del comune, verranno affittati ai singoli ambulanti al momento della concessione, previo pagamento di circa 9mila euro all’anno.
Il regolamento prevede che siano otto le postazioni alimentari (due di frutta e verdura, una di formaggi, due di alimenti tipici lombardi, uno di carni di pollo e pesce, uno di dolciumi e uno di alimenti generici) e sei di altro (fiori, erboristeria, bigiotteria, abbigliamento, profumeria, souvenir). La concessione ha durata decennale e potrà essere eventualmente rinnovata.
Insomma, la piazza torna alla sua vocazione storica, ma reinterpretandola in una veste nuova, con un disposizione più ordinata e funzionale dei banchi per il mercato ambulante.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.