Vetro crepato, Parco dell’acqua “fuori uso”

Una crepa in una delle vetrate che delimitano il tunnel-acquario tra le mura venete di Largo Torrelunga, ha imposto la chiusura del passaggio al pubblico.

(red.) Una crepa in una delle vetrate che delimitano il tunnel-acquario del Parco dell’acqua di Brescia,  il laghetto artificiale ricavato tra le mura venete di Largo Torrelunga, ha imposto la chiusura del passaggio al pubblico.
Il danneggiamento sarebbe avvenuto, secondo quanto riferito da Ambienteparco, che gestisce la struttura comunale, una piccola oasi verde nel cuore della città, a seguito di alcune operazioni di manutenzione straordinaria realizzate da A2A per problemi di infiltrazioni.
La parte interna di uno dei tre pannelli temperati si è rotta, ma per capire le cause si dovranno attendere le perizie dei tecnici.
Fatto è che l’inconveniente ha comportato sia lo svuotamento del laghetto, sia il conseguente recupero dei pesci che, nel frattempo, verranno trasferiti nella vasca del parco Tarello.
E si solleva anche la polemica in Loggia, che è proprietaria della struttura. L’assessore ai Lavori Pubblici Mario Labolani ha già annunciato che l’amministrazione comunale non metterà mano al portafogli per interventi di manutenzione straordinaria e ha dichiarato di essere in attesa dell’esito delle perizie dei tecnici.
L’assessore ha ribadito che è da tempo che vengono segnalate ad A2A perdite della vasca, e che finchè non sarà garantita la sicurezza l’accesso al pubblico resterà off limits.
Si calcola che, solo per la sostituzione della vetrata, l’intervento dovrebbe durare almeno due settimane e che quindi il parco potrebbe rimanere chiuso almeno fino alla metà di ottobre. Ma si tratta solo di previsioni.
Ambienteparco aveva programmato una serie di iniziative a partire dal primo ottobre che quindi potrebbero slittare ma, mentre il tunnel subalveo ed il laghetto del Parco dell’Acqua sono fuori uso, rimangono operativi, funzionanti e fruibili da tutti il ristorante Mondo.Liquido, la sala riunioni  Energic.Ambiente, l’Info.Eco.Point, sportello aperto al pubblico anche per BresciaCarSharing, la Biennale di sculture ArtBrescia, sia all’aperto che presso lo Spazio.Energia, l’esposizione di motorini elettrici presso Futur.Lab e i giochi per i piccoli e grandi, nel prato. Rimane anche agibile la passeggiata nel parco.

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.