Quantcast

Lonato, Feralpi siderurgica è ancora “Emas”

L'azienda ha ottenuto, per l'ottavo anno consecutivo, la convalida dell’aggiornamento annuale della Dichiarazione Ambientale.

Più informazioni su

(red.) Feralpi Siderurgica ha ottenuto la convalida dell’aggiornamento annuale della Dichiarazione Ambientale, confermando così la registrazione EMAS (Eco-Management and Audit Scheme).

Feralpi

Feralpi Siderurgica, con sede a Lonato del Garda (Brescia) è tra le poche società italiane ad aver raggiunto questo obiettivo – dopo essere stata la prima ad ottenerla nel 2013 – e ad averla rinnovata ogni anno “nella consapevolezza”, si legge in una nota, “della necessità di fare della sostenibilità ambientale e del miglioramento continuo un obiettivo primario delle strategie aziendali”.

Feralpi

“La Dichiarazione Ambientale”, viene spiegato, “aggiornata con i dati al 31 dicembre 2020, descrive l’organizzazione, la sua politica ambientale, il suo sistema di gestione e fornisce informazioni analitiche sulle prestazioni ambientali; nella Dichiarazione, relativa allo stabilimento di Lonato del Garda, sono inoltre indicate in modo analitico le azioni che sono state intraprese dalla società nel corso dell’ultimo triennio per la riduzione degli impatti ambientali significativi, il loro stato di avanzamento e i risultati ottenuti. Inoltre, viene data evidenza agli impegni presi per il triennio successivo con i relativi traguardi da raggiungere”.

Feralpi

“Confermare con continuità da otto anni la Registrazione EMAS, ottenendo ogni anno la convalida della Dichiarazione Ambientale”, ha commentato Giuseppe Pasini, presidente del Gruppo Feralpi, “testimonia l’impegno di Feralpi Siderurgica nel compiere azioni concrete volte a ridurre al minimo l’impatto ambientale, ricorrendo alle migliori tecnologie disponibili e a modelli organizzativi efficienti. Questo percorso è parte integrante delle strategie ESG, environmental, social e governance, dell’intero Gruppo Feralpi per dare un contributo concreto al contrasto al cambiamento climatico e alla transizione ecologica mediante una impronta ambientale sempre più leggera. Ciò significa anche creare valore e benessere per il territorio in cui si opera”.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.