Quantcast

Camera di commercio Brescia: proventi per 23 milioni e disavanzo di 4,6 milioni

Notevole nel 2020 l'impegno finanziario dell'ente per il sostegno alle imprese che hanno dovuto affrontare l'emergenza Covid-19. Stanziate risorse per 16,6 milioni.

(red.) Il consiglio della Camera di Commercio di Brescia, nella riunione di giovedì 6 maggio 2021, ha approvato all’unanimità il bilancio d’esercizio dell’ente per l’anno 2020, che ha registrato proventi complessivi per 23 milioni di euro, con un disavanzo di 4,6 milioni, finanziato con gli avanzi degli esercizi precedenti.
“Il bilancio appena approvato – è il commento del presidente dell’ente camerale Roberto Saccone – è riferito a un anno del tutto eccezionale, che ha comportato la necessità, da parte della Camera di Commercio, di attingere alle risorse finanziarie accantonate negli esercizi precedenti e che si sono rivelate assolutamente indispensabili per fronteggiare la situazione di emergenza imposta dalla pandemia”.

Un notevole impegno finanziario si è registrato, infatti, sul fronte del sostegno alle imprese che hanno dovuto affrontare l’emergenza Covid-19, con risorse stanziate per 16,6 milioni ed erogazioni effettuate al 31 dicembre 2020 per 11,6 milioni – ed ulteriori 4,2 milioni al 30 aprile 2021 – ma già nella prospettiva di guardare alla fase di ripartenza del ciclo economico.
Particolare attenzione è stata rivolta alla necessità, manifestata dalle imprese, di adattamento alle nuove modalità operative imposte dalla fase emergenziale, in modo da poter continuare l’attività in sicurezza anche in regime di pandemia. Il tutto, però, nell’ottica dell’innovazione dei processi produttivi che la pandemia ha, in qualche modo, accelerato, ma che rappresenta, in ogni caso, la nuova frontiera per le Ppmi, come il ricorso allo smart working ed alla digitalizzazione 4.0.

“Il settore del turismo – prosegue il presidente Saccone – particolarmente colpito dalla pandemia, ha potuto, inoltre, contare su un’importante azione di promozione del territorio, in primo luogo grazie alle iniziative svolte dalla controllata Bresciatourism, nella prospettiva di un suo immediato rilancio, anche alla luce dell’importante appuntamento del 2023 che vedrà Brescia-Bergamo capitali italiane della cultura”.
Nell’analisi dei dati di bilancio 2020 si evidenzia, sul fronte delle entrate, quella derivante dal diritto annuale, principale fonte di finanziamento, che ammonta a 12,3 milioni, mentre i diritti di segreteria, che costituiscono la seconda voce di finanziamento camerale, sono stati pari a 6,8 milioni, in lieve diminuzione rispetto all’anno precedente.

Le iniziative camerali di supporto all’economia locale si sono principalmente rivolte all’innovazione per 5,9 milioni, al sostegno al credito per 4,5 milioni, alla promozione del territorio per 3,8 milioni e alla formazione professionale per 1,2 milioni. Minori risorse – rispetto al recente passato – sono state invece destinate all’internazionalizzazione delle imprese (0,6 milioni), soprattutto a causa della loro impossibilità di partecipare a manifestazioni fieristiche all’estero.
Complessivamente, gli interventi promozionali hanno consentito di “restituire” alle imprese un valore medio netto (promozione più investimenti) di circa 146 euro per impresa iscritta al Registro Imprese della Camera di Brescia – che diventano più di 180 euro con la compartecipazione regionale – a fronte di un valore medio di 105 euro versato nel 2020 per il diritto annuale da ciascuna impresa.

“Sul fronte delle spese di funzionamento – spiega il segretario generale Massimo Ziletti – si evidenziano costi per circa 1 milioni, mentre quelli sostenuti per il personale ammontano a 5,6 milioni: entrambe le voci in riduzione rispetto agli anni precedenti ed i cui risparmi si sono riversati sulle disponibilità per il sostegno alle imprese”.
La Camera di Commercio di Brescia ha infine versato, nel 2020, per imposte e tasse, oltre 0,5 milioni e ha versato allo Stato – secondo le vigenti disposizioni normative – ulteriori 0,5 milioni derivanti dai risparmi conseguiti in seguito al taglio delle spese, mentre al sistema camerale nazionale e regionale sono stati invece erogati altri 1,1 milioni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.