Quantcast

Confindustria Brescia, presentato il bilancio di sostenibilità 2020

Bilancio di Sostenibilità 2020 Confindustria Brescia(red.) È stato presentato stamattina, durante una conferenza stampa nella Sala Beretta, il Bilancio di Sostenibilità 2020 di Confindustria Brescia. Il documento, realizzato con il contributo di Deloitte, è stato realizzato secondo gli standard internazionali del GRI (Global Reporting Initiative) con l’obiettivo di proseguire il percorso di rendicontazione di sostenibilità già intrapreso lo scorso anno.

Alla conferenza hanno partecipato Giuseppe Pasini, Presidente di Confindustria Brescia, e Filippo Schittone, Direttore Generale di Confindustria Brescia.

“Nel Bilancio 2020 abbiamo cercato di valorizzare quanto fatto da Confindustria Brescia nel corso dell’anno, soprattutto in risposta alla situazione pandemica – commenta Giuseppe Pasini, Presidente di Confindustria Brescia –. Ne esce il profilo di un’Associazione prontamente adeguata alla nuova realtà, che ha ripensato il proprio modo di proporsi alle aziende rimodulando i servizi offerti, assicurando risposte chiare, concrete, risolutive ai tanti problemi che venivano posti in un periodo di grande complessità. Un riscontro che ci rende orgogliosi, ma che deve spingerci a continuare a migliorare.”

Per quanto riguarda i punti principali del Bilancio di Sostenibilità, il valore economico direttamente generato e distribuito agli stakeholder al 31 dicembre 2020 da Confindustria Brescia è pari a oltre 9 milioni di euro: il valore distribuito ai fornitori è pari a circa 2,4 milioni di euro. L’avanzo di gestione è pari a oltre 341 mila euro e la quota di valore trattenuto dall’Associazione corrisponde a circa 944 mila euro (si tratta di dati che dovranno essere approvati dall’Assemblea Generale il prossimo 31 maggio).

Confindustria Brescia ha destinato inoltre contributi ed erogazioni liberali a beneficio della comunità, rivolti prevalentemente alle imprese, a istituzioni formative e ad altri enti, pari a oltre 544 mila euro (5,7%). La quota destinata al pagamento delle imposte, vale a dire il contributo dell’Associazione alla Pubblica Amministrazione, corrisponde a oltre 257 mila euro. La quota costituita dalla voce remunerazione del personale è pari al 52,9% del totale.

A fine 2020 a Confindustria Brescia risultano associate 1.274 imprese, per un totale di 62.617 dipendenti. Il numero delle associate è rimasto pressoché invariato rispetto al 2019. All’interno della struttura, in tema di pari opportunità, va ricordata in particolare la forte rappresentanza femminile (63%) tra i dipendenti.

Tra le iniziative più importanti del 2020, spicca la sigla del Protocollo d’intesa sulle misure organizzative di contrasto all’emergenza Covid-19 (aprile), frutto di un assiduo lavoro dell’Associazione con le Organizzazioni Sindacali della provincia e la Prefettura di Brescia. In quella stessa fase, nella ricerca per le aziende associate dei dispositivi di protezione individuale (DPI) per i dipendenti, Confindustria Brescia ha strutturato un marketplace all’interno della piattaforma associativa digitale DAS, tuttora operativo, per mettere in relazione domanda e offerta di tali prodotti.

Nel marzo 2020, in piena pandemia, Confindustria Brescia ha poi aderito alla campagna di sensibilizzazione sociale #iopagoifornitori, che ha l’obiettivo di sensibilizzare e stimolare le imprese ad adottare comportamenti sempre etici e trasparenti in materia di pagamenti. La campagna ha visto l’adesione di oltre 600 aziende, dell’Associazione Comuni Bresciani e di una serie di Comuni della provincia, in continua crescita.

L’Associazione ha istituito internamente, inoltre, uno speciale Fondo Covid tramite il quale è stata effettuata una donazione di 30.000 euro agli Spedali Civili di Brescia, mentre oltre 48.000 euro sono stati destinati alla sanificazione dei locali e all’acquisto di dispositivi di protezione e materiale di consumo per i dipendenti. Per questi ultimi, è stato anche attivato un percorso di screening con esecuzione di test sierologici e tamponi su base volontaria. Confindustria Brescia non ha fatto mancare la propria solidarietà, anche economica, alla comunità bresciana, sostenendo ad esempio l’iniziativa “Aiutiamo Brescia”, promossa dalla Fondazione Comunità Bresciana. In ambito sociale, vanno poi ricordate le iniziative di promozione delle pari opportunità e della diversità, così come quelle rivolte alla promozione del benessere dei lavoratori e a quelle per lo sviluppo e la formazione dei talenti.

In campo sociale, è attivo uno Sportello per il diritto al lavoro delle persone con disabilità, e Confindustria Brescia è partner di Solco Brescia nel Progetto Nobilita, finanziato da Fondazione Cariplo: l’iniziativa, di durata biennale, persegue l’obiettivo di promuovere azioni condivise tra vari attori in termini di miglioramento dell’applicazione della normativa sul collocamento mirato e copertura dei posti di lavoro riservati alle persone appartenenti alle categorie protette. Attraverso l’erogazione del servizio Welfare con noi, Confindustria Brescia ha assistito le aziende associate nella progettazione e realizzazione di iniziative e politiche di Welfare.

Il Progetto People, pensato e strutturato insieme a Fluxus HR nel quarto trimestre del 2019 e avviato operativamente nel 2020, si pone l’obiettivo di rafforzare le competenze manageriali delle persone chiave della struttura organizzativa affinché possano favorire lo sviluppo di dinamiche interne improntate sull’integrazione e l’innovazione.

Per quanto riguarda l’organizzazione degli eventi, l’Associazione si è adeguata alle restrizioni imposte, investendo considerevoli risorse in una piattaforma web che le consentisse di continuare a trasmettere webinar/live events ed assemblee, e che ha prodotto un totale di quasi 8.000 visualizzazioni nel corso dell’anno. Riguardo alla presenza e visibilità sui social media, nel 2020 si registra una crescita di follower del 149% rispetto al 2018 (da 7.660 a 19.088 follower).

Nell’ambito della formazione, con Fondazione AIB, è riuscita ad aumentare il numero dei fruitori, grazie a una forte rifocalizzazione dell’offerta formativa. In particolare, a ISFOR il numero di corsisti nell’anno 2019/2020 è aumentato del 18% rispetto all’anno 2017/2018 e il numero di corsi è cresciuto del 41%. Gli alunni iscritti al Liceo Internazionale Guido Carli sono passati da 124 nell’anno 2018/2019 a 132 nel 2019/2020, con 47 nuovi iscritti per il prossimo anno scolastico. Al Centro di Formazione AIB, nell’anno scolastico 2020/2021 si sono registrati 389 iscritti, in linea con l’anno 2019/2020 e in crescita del 13% rispetto al 2017/2018. Confindustria Brescia ha investito numerose risorse per creare un sistema di istruzione tecnica superiore (ITS), divenendo socia fondatrice di 4 importanti Fondazioni: meccatronica, informatica, gestione industriale, design, moda e marketing.

È proseguito l’impegno nella promozione della cultura imprenditoriale orientata al rispetto dell’ambiente. Da un lato, adottando coerentemente scelte interne gestionali che testimoniassero il senso di responsabilità, per esempio attraverso la fornitura totale di energia elettrica da fonte rinnovabile certificata. Dall’altro, rilanciando la sfida secondo cui Confindustria Brescia vuole essere testimonial autentico del tema, impegnandosi in progetti di alta valenza industriale e simbolica. Tra questi, il progetto europeo Coralis, approvato dalla Commissione UE, che, nei prossimi quattro anni, si pone l’obiettivo strategico di ridurre i consumi di energia e materie prime, le emissioni di CO2 e i quantitativi di materiale avviati a smaltimento.

Con uno sguardo al futuro, nel 2020 Confindustria Brescia ha avviato, infine, il progetto #BresciaRegeneration, in collaborazione con Prometeia e con il supporto dell’Università degli Studi di Brescia. L’iniziativa mira a definire i futuri possibili del territorio bresciano nell’orizzonte 2030, il modello manifatturiero, economico e sociale che andrà a svilupparsi e le azioni da mettere in campo per realizzarlo, guardando oltre l’attuale fase emergenziale legata alla pandemia da Covid-19. Il lavoro è stato ultimato nel marzo di quest’anno e i principali risultati sono stati presentati in un webinar alle aziende e alle Istituzioni, mentre il Report finale sarà disponibile a breve.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.