Quantcast

Tracciabilità e integrità dei vaccini: il modello Antares Vision

(red.) Garantire l’integrità dei vaccini e tracciare ogni dose attraverso processi di ispezione visiva e serializzazione della singola fiala. Ecco l’impegno di Antares Vision Group per portare sicurezza e trasparenza nella catena di distribuzione dei vaccini e garantirne l’equità e la correttezza. La multinazionale italiana ha infatti progettato e già installato sulle linee di diverse aziende farmaceutiche soluzioni per l’ispezione visiva e la serializzazione dei flaconi, anche in modalità integrata: la prima consente di eliminare l’errore umano nel controllo qualità, garantendo volumi di flaconi ispezionati estremamente elevato (fino a 400 pezzi/min), la seconda permette una tracciabilità a livello globale, riducendo le interruzioni della supply chain e rendendo la filiera trasparente, un aspetto fondamentale in questa fase della campagna vaccinale.

 

In particolare, l’ultima soluzione di Antares Vision, appartenente al panel di applicazioni brevettate per l’ispezione visiva, è dotata di tecnologie innovative per consentire l’accurata ispezione visiva per liquidi e/o prodotti liofilizzati, un test di integrità della chiusura del contenitore (Container Closure Integrity Testing) e, in modalità integrata, la serializzazione univoca della singola dose (stampa e controllo in linea con matrice di dati con inchiostro visibile oppure visibile ai raggi UV, per condividere le informazioni con le autorità sanitarie e lungo tutta la catena di approvvigionamento). La macchina, infatti, è in grado di eseguire una vasta gamma di controlli: presenza di particelle all’interno del prodotto, ispezione di corpi estranei, controlli del livello di riempimento, rilevamento di difetti cosmetici e funzionali del contenitore, applicazione e verifica dell’etichetta. L’ispezione visiva viene eseguita grazie a un sistema di telecamere di ultima generazione. Ogni telecamera è programmata sulla base di algoritmi che la abilitano a riconoscere la natura di contenitore e contenuto. Dotata di telecamere ad alta risoluzione supportate da un hardware proprietario di elaborazione delle immagini, la macchina fornisce analisi statistiche avanzate per aiutare a rilevare le cause di scarto. Con l’applicazione di tecnologie avanzate, vengono ispezionate anche sostanze liofilizzate, formato che in un futuro prossimo verrà adottato anche nella produzione dei vaccini anti-Covid.

 

“La pandemia ha accelerato l’utilizzo e l’esperienza di nuove tecnologie – ha commentato Emidio Zorzella, Presidente e Amministratore Delegato di Antares Vision – ed è molto importante che venga garantita la sicurezza delle persone. Ora più che mai, quindi, la tecnologia deve aiutare a ridurre la situazione di emergenza e il nostro contributo vuole offrire sia la garanzia di integrità del vaccino sia la possibilità di dare una maggiore trasparenza. In quest’ottica, abbiamo avviato una collaborazione con l’amministrazione federale statunitense, insieme a IBM e alla Linux Foundation, per l’utilizzo della tecnologia Blockchain lungo la catena di distribuzione dei vaccini”.

Anche in seguito agli importanti ordini di ispezione e tracciabilità ottenuti nel mercato dei vaccini, il Gruppo comunica che gli ordini raccolti nel corso del primo trimestre dell’esercizio 2021 (1° gennaio 2021 – 31 marzo 2021) risultano in crescita del 36,0% rispetto al corrispondente trimestre dell’esercizio 2020 (laddove si considerino – per entrambi i trimestri degli esercizi di riferimento – le acquisizioni di Applied Vision e rfXcel Corporation), ovvero del 14,4%, escludendo le citate acquisizioni (sempre in entrambi i trimestri).  Questa crescita a doppia cifra risulta particolarmente significativa, se si considera che è stata realizzata nonostante l’emergenza epidemiologica abbia riguardato solo in parte il primo trimestre dell’esercizio 2020 a differenza del corrispondente periodo nel 2021.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.