Quantcast

Promotica, nuova campagna di fidelizzazione per le farmacie Cef

(red.) Promotica – agenzia loyalty specializzata nella realizzazione di soluzioni marketing per aumentare le vendite, la fidelizzazione e la brand advocacy – comunica il lancio della nuova campagna di fidelizzazione per Cef (Cooperative esercenti farmacia), la più grande cooperativa del settore farmaceutico italiano. Grazie a questa operazione Promotica incrementa la propria expertise nella realizzazione di programmi loyalty per il settore farmaceutico, rinnovando la collaborazione con Cef. La campagna – informa una nota –  permette inoltre di rafforzare il presidio della società in un settore ad alto potenziale, diverso dalla Grande distribuzione organizzata, quello farmaceutico.

La campagna, che proseguirà fino al 28 febbraio 2022, è una raccolta punti a catalogo realizzata per i tre network di farmacie “FarmaciaINsieme”, “+Bene” e “Cef la Farmacia Italiana”, che complessivamente sommano più di 1.400 farmacie associate, e che fanno parte di Cef, la maggiore cooperativa d’Italia del settore farmaceutico e il secondo player della distribuzione farmaceutica del nostro Paese. Nata a Brescia nel 1934 per volontà di un gruppo di farmacisti lungimiranti, conta oggi circa 2.000 soci e oltre 6.000 farmacie servite, 1.000 dipendenti e 12 poli logistici presenti su tutta la penisola, creando una vera e propria dorsale nazionale della distribuzione del farmaco.

“Siamo orgogliosi di essere stati scelti da Cef”, ha commentato Diego Toscani, amministratore delegato di Promotica, “cliente che già in passato ci aveva dato fiducia, per la realizzazione del catalogo premi 2021, una commessa particolarmente rilevante poiché ci permette di intercettare un settore in forte crescita, quello della Pharma Industry. Infatti, recenti ricerche di mercato posizionano il nostro Paese al sesto posto nella classifica mondiale per la spesa destinata alla Sanità, prevedendo il superamento dei 40 miliardi di spesa nel 2023. Vogliamo dunque sfruttare questo trend positivo e l’interesse sempre maggiore verso programmi di fedeltà tailor made da parte degli attori del settore farmaceutico, per consolidare la nostra posizione di leadership in ambito loyalty”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.