Spazio FUTURA di Camera di Commercio: storie di economia per l’ambiente

FUTURA. Economia per l’Ambiente è uno spazio dedicato alla visione del futuro, un futuro realistico e sostenibile, indispensabile oggi più che mai e fatto di persone, imprese, agricoltura, città, ambiente naturale e fauna selvatica, in un ecosistema possibile fondato su equilibrio e rispetto.
Un progetto nato nel 2019 dalla Camera di Commercio di Brescia e ProBrixia, in collaborazione con Coldiretti, Confindustria Brescia e Fondazione UNA, con l’intento di essere di stimolo e supporto al cambiamento del mondo produttivo attraverso la promozione di una innovazione sostenibile, un impiego consapevole delle materie prime, la riduzione degli scarti di produzione e l’ottimizzazione dei processi.

“La sostenibilità non è più solo un valore etico, ma un asset economico che sarà il vero fattore competitivo del domani. Le imprese si devono attrezzare, rivedendo modelli di business: occorrono cultura, competenza e risorse. Con le accelerazioni nella competizione globale, non abbiamo molto tempo a disposizione” dichiara Roberto Saccone, Presidente Pro-Brixia e Camera di Commercio di Brescia.

Nell’ambito di FUTURA prende il via “Storie di Economia per l’Ambiente”: una serie di interviste online con imprenditori virtuosi che hanno già scelto di adottare nelle proprie aziende politiche green. Storie raccontate, progetti in divenire, visioni e soluzioni creative che possono essere di ispirazione per l’intero tessuto economico.

Conduce gli appuntamenti Alessio Maurizi, speaker di punta di Radio24, che dialogando con imprenditrici ed imprenditori illuminati del panorama nazionale darà loro modo di esporre il proprio pensiero e di condividere i valori che li hanno portati a scegliere la sostenibilità come asset strategico delle proprie aziende.

“Da qualche anno ho fatto una scelta di campo: quella di non limitarmi come giornalista a raccontare solo le parti negative, la denuncia, le cose che non funzionano… ma di dedicare una parte della mia attività a raccontare la parte luminosa, che funziona… Anche l’informazione, per essere credibile, deve essere sostenibile e indicare la direzione” dichiara Alessio Maurizi.

Particolarmente significativi sono i nomi che hanno deciso di aderire a “Storie di Economia per l’Ambiente”, a conferma che la tematica della sostenibilità è ormai sentire comune.

Fra i primi:

Oscar Farinetti, fondatore i Green Pea
il primo Green Retail Park dedicato al sostenibile e al riciclo;

Luciano Bonetti, Presidente di Foppapedretti
che da sempre ha portato avanti in azienda un’ottica di lunga durata dei propri prodotti;

Renato Mazzoncini, Amministratore delegato di A2A
la Multiutility che ha da poco comunicato la sua trasformazione in Life Company;

Giuseppe Pasini, Presidente di Feralpi Group
che trasforma le scorie prodotte in acciaieria in inerti da utilizzare in prodotti differenti e recupera il calore dei processi di raffreddamento per alimentare la rete di teleriscaldamento interna ed esterna;

Giovanna Franceschetti, Vicepresidente di GEFRAN
impresa bresciana che ha sottoscritto un piano strategico di sostenibilità che prevede, tra l’altro, investimenti in innovazione, sviluppo di prodotti dedicati all’efficientamento energetico e diffusione della cultura della sostenibilità tra i fornitori;

Roberto Sancinelli, Presidente e Amministratore Delegato di Montello
impresa leader in Italia e in Europa per il recupero e il riciclo dei rifiuti, considerata un esempio di industria “Carbon negative” a livello internazionale per sistema integrato e tecnologia avanzata applicata;

Silvio Barbero, Vice Presidente dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo e di Slow Food Italia;
promotore di progetti orientati a rinnovare i metodi di coltivazione, proteggere la biodiversità e costruire una relazione organica tra gastronomia e scienze agrarie.

Una serie di storie di passione, di visione, di sensibilità, di consapevolezza.

Motivazioni diverse per un unico risultato: costruire una economia in armonia con l’ambiente.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.