Quantcast

Ubi: Popolare di Bergamo un gioiellino

La banca locale orobica, nel 2013, ha ottenuto un utile di 138,7 milioni di euro. Banco di Brescia, nello stesso anno, è stato letteralmente surclassato.

Più informazioni su

(red.) L’Assemblea Ordinaria della Banca Popolare di Bergamo ha approvato il bilancio al 31 dicembre 2013, chiuso con un utile netto di 138,7 milioni di euro ca. che ha consentito la distribuzione di un dividendo unitario pari a € 0,09560 per ciascuna delle azioni, 1.350.514.252, detenute dal socio unico Ubi Banca, corrispondente a complessivi  129,1 milioni di euro. Il Banco di Brescia, nello stesso anno, ha archiviato i conti con un utile di 3,4 milioni. Il gruppo Ubi, ha chiusocon un utile netto consolidato pari a 250,8 milioni.
L’Assemblea ha, inoltre rinnovato, con mandato triennale, il consiglio di amministrazione, giunto alla sua naturale scadenza, che risulta ora composto da Giorgio Frigeri, Antonio Bulgheroni, Guido Lupini, Paolo Agnelli, Cristina Bombassei, Riccardo Cagnoni, Ercole Galizzi, Stefano Gianotti, Giuseppe Guerini, Paolo Lamberti, Angelo Radici, Marino Vago, Matteo Zanetti. Il Presidente uscente Emilio Zanetti è stato nominato presidente onorario della Banca Popolare di Bergamo.
Il consiglio di amministrazione, riunitosi al termine dell’assemblea dei soci, ha nominato presidente Giorgio Frigeri, attualmente vice Presidente del consiglio di Gestione di Ubi Banca. In precedenza Giorgio Frigeri ha ricoperto numerosi incarichi tra cui quello di direttore generale della Banca Popolare di Bergamo – Credito Varesino nonché consigliere di amministrazione e componente del comitato esecutivo della stessa e presidente di Ubi Pramerica SGR Spa.
Alla carica di Vice Presidente della Banca sono stati confermati Antonio Bulgheroni e Guido Lupini. Sono stati inoltre nominati i membri componenti il nuovo comitato esecutivo del quale fanno parte Frigeri, a norma di statuto, Bulgheroni, Lupini, Stefano Gianotti e Matteo Zanetti.
Il nuovo cda, in una nota, ringrazia il presidente uscente Emilio Zanetti per l’autorevolezza e l’assoluta dedizione con cui ha guidato l’Istituto e i Consiglieri uscenti Mauro Bagini, Alberto Barcella, Francesco Lechi, Raffaele Rizzardi, per l’impegno speso nel periodo di durata del loro mandato.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.