Quantcast

Acquaviva Italia, in Cina con una joint venture

L'azienda di Lograto è l'unica realtà a produrre boccioni ed erogatori di acqua in Cina. "Distribuiremo la nostra acqua 100% italiana nel mercato cinese".

(red.) Già presente in Cina da alcuni anni attraverso una rete di rivenditori, la società Acquaviva Italia, con sede a Lograto, in provincia di Brescia, ha inaugurato lo stabilimento della KR Water Technology Solution Co Ltd, società frutto della joint venture tra l’azienda italiana e un gruppo di imprenditori locali, per la produzione e distribuzione di erogatori d’acqua in boccioni.
L’operazione è stata seguita dallo studio legale e tributario Spadafora De Rosa, che ha assistito Riccardo Marchini, Ceo di Acquaviva Italia, dal punto di vista tecnico e giuridico nella costituzione e nello sviluppo internazionale della joint venture italo-cinese con sede in Ningbo, Cina.
“Siamo, ad oggi, gli unici produttori in Cina nel nostro settore”, ha sottolineato Marchini. “Abbiamo puntato sulla Cina da diversi anni ed ora stiamo iniziando a diversificare le nostre attività. Oltre alla produzione degli erogatori, abbiamo interesse a promuovere lo sviluppo del brand Acquaviva attraverso la distribuzione della nostra acqua 100% italiana nel mercato cinese che, non dimentichiamolo, rappresenta oltre 1 miliardo e cinquecento milioni di potenziali clienti”.
Il sostegno dello studio Spadafora De Rosa, spiega una nota, è stato essenziale in ogni fase del progetto. “Acquaviva Italia”, ha dichiarato Nicola Spadafora, avvocato e partner dello studio Spadafora De Rosa che assiste le imprese italiane nei processi di internazionalizzazione, “è un’azienda leader nella produzione e distribuzione di acqua naturale in boccioni, che sta portando avanti con successo la sua politica di internazionalizzazione, tanto da essere valutata, in questo momento di crisi economica, come una delle poche aziende italiane con il segno più. L’investimento in Cina – ha aggiunto – consentirà di portare il made in Italy anche nel settore degli erogatori d’acqua nel primo mercato mondiale in termini di popolazione e di prospettive di sviluppo”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.