Quantcast

Valtrompia, in arrivo 300 migranti entro il 2018

Intesa tra la Comunità montana e la prefettura di Brescia. I primi arrivi saranno da settembre. Ecco quali paesi li ospiteranno e con quali percentuali.

(red.) La Valtrompia si prepara a ospitare 300 migranti nell’arco del resto del 2017 e per il 2018. La Comunità montana bresciana e la prefettura, come scrive il Giornale di Brescia, hanno raggiunto un accordo e firmato un protocollo d’intesa che coinvolge undici Comuni. Sono Caino, Concesio, Gardone, Lodrino, Lumezzane, Marcheno, Nave, Pezzaze, Sarezzo, Tavernole e Bovezzo che hanno aderito al progetto di micro accoglienza diffusa.

Gli aspiranti richiedenti asilo saranno ospitati dalle strutture private dei paesi attraverso cooperative specializzate e con il coordinamento della Comunità montana. Tra i 300 migranti previsti, i primi arriveranno già a settembre e dovranno essere il 60% entro il 2017 e il resto entro il 2018. Ne giungeranno sei nei paesi fino a 3 mila abitanti, mentre per quelli più popolosi si tratta di 2,5 per ogni 1.000 residenti.

E ci sarà anche una clausola che prevede che questi paesi non vengano inclusi in bandi successivi per nuove forme di ospitalità. I Comuni non spenderanno nulla, ma anzi, come dicono dalla Comunità montana, riceveranno fino a 700 euro all’anno per ogni profugo come forma di compensazione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.