Quantcast

A marzo i 100 rifugiati a Brescia

La Loggia si è aggiunta al Comune di Breno e quello di Cellatica nella rete Sprar. Dal ministero dell'Interno riceverà circa 1 milione di euro divisi in tre anni.

(red.) Breno e Cellatica erano da diversi anni le punte di diamante dell’accoglienza bresciana. Ora anche Brescia ha deciso di entrare a far parte dello Sprar, il Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati del Ministero dell’Interno. La Loggia ha infatti presentato domanda a Roma di finanziamento per progetti di accoglienza integrata al bando pubblico Sprar per il triennio 2014 – 2016.
Sui quasi 20 mila rifugiati in attesa di asilo in tutta la Penisola, circa 100 saranno divisi fra i tre comuni. I progetti finanziati, come hanno ricordato l’assessore alla Partecipazione dei cittadini, Marco Fenaroli, la responsabile del Settore servizi sociali della Loggia Maria Rosaria Marrese, e i sindaci di Breno e Cellatica, Sandro Farisoglio e Paolo Cingia, sono finalizzati all’accoglienza di rifugiati e richiedenti asilo con l’obiettivo di garantire un inserimento socio economico che consenta agli accolti di sviluppare una propria autonomia.
Per aiutare il Comune di Brescia sono stati assegnati 364.894 euro per il 2014 e 398.066 sia per il 2015 che per il2016- per accogliere30persone. Su richiesta del Ministero saranno eventualmente attivati altri 10 posti aggiuntivi. La Loggia si avvarrà della collaborazione della Cooperativa sociale K – Pax. Il Comune di Breno, invece, per il progetto «Breno città aperta», di cui è capofila,  ha ottenuto 459.900 euro all’anno per tre anni per accogliere 35 persone. I primi rifugiati dovrebbero arrivare nel Bresciano tra poco meno di un mese.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.