Quantcast

Extracomunitari, drastico calo degli ingressi

In Italia sono 3,6 milioni, ma, in un anno, sono calati quasi del 40% i nuovi arrivi di stranieri. Nella provincia di Brescia vivono più non comunitari che nell'intera Campania.

Più informazioni su

(red.) Sono 3.637.724 gli stranieri non comunitari regolarmente presenti al primo gennaio 2012 in Italia, 102 mila in più rispetto a un anno prima. E i minori non comunitari nati in Italia sono ormai più di 500mila, quasi il 60% del totale. Ma i nuovi ingressi di questi cittadini sono drasticamente calati nel corso del 2011 e a ridursi sono stati soprattutto i permessi per lavoro, mentre sono notevolmente aumentati quelli per asilo o motivi umanitari.
Questa è la “fotografia” dei cittadini non comunitari regolarmente presenti sul territorio italiano scattata dall’ Istat, che segnala come oltre la metà di questi stranieri provenienti da Paesi extra Ue risieda in Italia stabilmente: se nel 2011 i soggiornanti di lungo periodo erano 1.638.734, nel 2012 sono 1.896.223 e costituiscono la maggior parte degli stranieri regolarmente presenti (52,1%).
IN LOMBARDIA Questo tipo di immigrazione e’ composta per circa la metà da donne ed è presente in misura più elevata nelle regioni del Centro-Nord: la regione preferita dagli stranieri non comunitari è la Lombardia (26,7%), seguita da Emilia-Romagna (12,5%) e Veneto (11,7%). Le province nelle quali si concentra maggiormente la presenza straniera sono: Milano, Roma, Brescia, Torino, Bergamo e Firenze. Nella provincia di Bergamo vivono più stranieri non comunitari di quanti ne vivano nell’intera Liguria; in quella di Brescia più che nell’intera Campania. Marocco (506.369), Albania (491.495), Cina (277.570), Ucraina (223.782) e Filippine (152.382) i Paesi di provenienza maggiormente rappresentati.
I MINORI In Italia aumentano i minori non comunitari, che sono il 23,9% degli stranieri extra Ue regolarmente soggiornanti, mentre nel 2011 erano il 21,5%: una percentuale decisamente più alta rispetto a quella dei minori italiani sul totale della popolazione (16%).
MENO INGRESSI E’ calata di quasi il 40% in un anno la percentuale di nuovi ingressi di cittadini non comunitari in Italia: durante il 2011 sono stati rilasciati 361.690 nuovi pemessi (va ricordato però che sui flussi del 2010 ha avuto impatto, oltre al decreto flussi, la regolarizzazione di colf e badanti prevista dalla legge 102/2009). La diminuzione ha interessato le donne (-45,7%) più degli uomini (-33,6%). A ridursi in maniera drastica sono stati i permessi rilasciati per lavoro (oltre il 65% in meno), in misura minore (-21,2%) quelli per motivi familiari. Il calo dei nuovi permessi ha interessato soprattutto il Nord-est (da 170 mila a 83 mila).
PIU’ PERMESSI UMANITARI Aumentano notevolmente invece i permessi rilasciati in Italia per asilo e motivi umanitari, che passano da 10.336 nel 2010 a 42.672 nel 2011. Nel 2011 hanno rappresentato l’11,8% dei nuovi flussi, mentre nel 2010 erano solo l’1,7% del totale. Questo tipo di flussi ha interessato soprattutto il Sud (30,3% dei nuovi ingressi) e le Isole (17,3%): in quest’ultima ripartizione l’asilo e la protezione umanitaria rappresentano la principale motivazione di ingresso (36% dei nuovi flussi). Tre sole cittadinanze coprono oltre il 50% di questi nuovi ingressi: Tunisia (27,5%), Nigeria (16,3%) e Ghana (7,4%). Il dato è comunque in linea con quanto avvenuto a livello internazionale: il 2011 è stato un anno record per il numero di persone fuggite dal proprio paese.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.