Circoscrizioni, centrodestra boom

Più informazioni su

L'alleanza guidata da Paroli fa il pieno nei quartieri e ne conquista 5 su 5.


(red.) Da nove sono recentemente diventate cinque e, dopo il terremoto amministrativo provocato dall’allargamento dei confini voluto dalla giunta Corsini e sostenuto con forza dall’assessore uscente alla Partecipazione Claudio Bragaglio (contrastato in tutti i modi dal centrodestra), anche le Cicoscrizioni cittadine sono state sottoposte a un vero e proprio terremoto politico.
Quattro delle precedenti nove realtà decentrate erano governate dal centrosinistra (la Seconda, la Terza, la Quarta e la Settima), le altre cinque dal centrodestra. Ora, sulla scia della vittoria di
Adriano Paroli
in comune, Le nuove Circoscrizioni sono tutte e cinque saldamente in mano all'alleanza guidata da Pdl e Lega Nord. Il regolamento prevede che chi prende la maggioranza dei voti intaschi 12 consiglieri su venti: quindi la maggioranza nei consigli circoscrizionali è blindata.
Pubblichiamo l'elenco dei neoconsiglieri divisi per Circoscrizione. Va tenuto conto che vi saranno rinunce, poiché molti sono anche in consiglio comunale e qualcuno è stato eletto in più d'una circoscrizione.
A parte i nomi, un dato interessante è che in quattro circoscrizioni su cinque il Pd – pur perdendo come coalizione –  è il primo partito: solo in quella del Centro è stato il Pdl a prevalere.

Nella Nord il centrodestra ha ottenuto il 51,8%, mentre il centrosinistra è al 46,11%.
Il più votato nel Pdl è stato l’ex presidente della Prima circoscrizione,
Marco Toma, con 394 preferenze. Nella Lega Nord, Silvia Raineri ne ha ottenute 131. Nel Pd, primo partito con il 30,96%, il più votato è stato Roberto Cammarata con 290 preferenze.
Gli eletti. Giovanni Aliprandi (Udc); Silvia Ranieri, Simona Bordonali, Elena Bonometti, Lino Moretti (Lega); Marina Rossi (Sdi); Roberto Cammarata, Pietro Platto, Maria Ludovica Trebeschi in Gitti, Lucia Ferrari, Gianfranco Ruggeri, Giovanna Foresti in Arrighini, Paolo Bonzio (Pd); Marco Toma, Marco Rossi, Silvia Toffa, Giuseppe Vitrano, Marco Gobbi, Francesco Arenghi (Pdl).

Nella Centro il centrodestra è andato alla grande con il 58,52% dei voti, grazie al Pdl e con la Lega al 14,7%. Il centrosinistra è invece rimasto al 38,1%.
Nel Pdl i più votati sono stati il vice della Nona,
Flavio Bonardi
, con 372 preferenze e il presidente Mario Labolani con 290. Nella Lega è stato Massimo Tacconi con 106 preferenze. Nel Pd, al 23,73%, ha prevalso Giuseppe Tognazzi con 203 consensi.
Gli eletti. Laura Chiarelli (Sdi); Giuseppe Tognazzi, Laura Venturi, Giuseppe Montanti, Igor Penna, Fabio Negrini, Franco Gramano (Pd); Flavio Bonardi, Mario Labolani, Simone Massenza, Giulio Arzenton, Pierfrancesco Rotondo, Greta Soncina, Tommaso Fornasari, Roberto Tursi (Pdl); Arturo Bettoni (Udc), Massimo Tacconi, Paolo Sabbadini, Alessandro Damoli (Lega), Rocco Bortoletto (Sinistra Arcobaleno).

Est è stata battaglia fino all’ultimo e il centrosinistra ha veramente sfiorato il colpaccio finendo sotto di soli 67 voti: 8.920 contro gli 8.987 del centrodestra (50,2%).
Anche qui il Pd è primo partito (con il 32,63%), mentre la Lega è quasi arrivata al 20%. Per questo il più votato tra i candidati risulta
Sergio Bovoloni del Pd con 320 preferenza. Nel Carroccio è andato bene Ennio Garzetti con 137 voti personali, mentre nel Pdl il primo è stato Antonio Petrina con 68 consensi.
Gli eletti. Antonio Petrina, Matteo D’Amico, Bruno Gorlani, Domenica Sidari, Stefano Calimeri, Maurizio Erba (Pdl); Vincenzo Celano (Udc); Giovanni Botticini (Sinistra Arcobaleno); Enio Garzetti, Massimo Bianchini, Gianfranco Cicu, Leo Vidi, Gianfranco Bonfietti (Lega); Sergio Bovoloni, Monica Rovetta, Daniele Curcio, Mario Sileo, Mattia Datteri, Rocco Vergani, Emanuele Frugoni (Pd).

Nella Sud, ancora una volta il Pd è stato il primo partito (28,22), ma il centrodestra ha portato a casa il 54,51% con un successo personale del leader cittadino leghista Fabio Rolfi (730 preferenze). Nel Pdl, che ha oltrepassato il 26%, la più votata è stata Elena Buffoli (170 preferenze), seguita da Antonio Pintus (149). Nel Pd la più votata è stata Silvia Peroni (185).
Gli eletti. Fabrizio Tedoldi (Sinistra Arcobaleno); Fabio Rolfi, Walter Locatelli, Massimo Tacconi, Silvia Righi, Nicola Savoldi (Lega); Silvia Peroni, Roberto Omodei, Raffaele Bellantuono, Maria Andreina Cenini, Michele Lombardi, Riccardo Pozzi, Marco Benetti (Pd); Elena Buffoli, Antonio Pintus, Giuseppe Chiappani, Luca Feroldi, Massimo Stellini, Elena Arrighi (Pdl); Davide Arienti (Udc).

Nella Ovest, il Pd è primo partito con il 32,41%, ma la maggioranza va al centrodestra con il 52,89% grazie al 27,32 del Pdl e al 18,49 della Lega. Il più votato a livello personale è stato Mattia Margaroli, figlio dell’ex presidente della Quarta, con 667 preferenze. Nel Pd, 210 preferenze per Anita Franceschini, 190 per Stefano Dioni.
Gli eletti. Pierangelo Bonometti (Sinistra Arcobaleno); Anita Franceschini, Stefano Dioni, Tommaso Gaglia, Massimo Gaffurini, Marcella Pilotta, Andrea Pasotti, Marco Fabbri (Pd); Fabio Rolfi, Pierraul Francesconi, Giovanni Panizza, Mario Visentini, Pietro Zucca (Lega); Mattia Margaroli, Fulvia Bonafini, Sandro Giupponi, Diego Piovanelli, Milva Gregorini, Stefano Brignoli, Emanuele Devicienti (Pdl).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.