Quantcast

Inchiesta “Scarface”, dal tribunale di Brescia altri 7 rinvii a giudizio

Ieri la seconda e lunedì la prossima dell'udienza preliminare. I processi dalla seconda metà di settembre.

(red.) Ieri, lunedì 10 maggio, in tribunale a Brescia si è svolta la seconda parte (ce n’è sarà anche una terza) dell’udienza preliminare connessa all’inchiesta “Scarface” che aveva portato a una serie di arresti e indagati e a scoprire una presunta associazione a delinquere nata per riciclare il denaro attraverso le vincite del Lotto. Nella prima parte dell’udienza sono stati rinviati a giudizio l’imprenditore Francesco Mura, ritenuto il capo dell’organizzazione, con altri sette imputati.

Ieri sono giunti altri rinvii a processo, di cui tre a dibattimento e quattro in abbreviato. I primi saranno a processo dal 16 settembre e gli altri dal 20. Ma l’udienza preliminare continuerà lunedì 17 maggio. Le accuse a vario titolo sono di trasferimento fraudolento di denaro, riciclaggio, autoriciclaggio, intestazione fittizia di beni, utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, indebito utilizzo di carte di credito e illecita concorrenza. Alcuni di loro sono anche accusati di associazione a delinquere con l’aggravante mafiosa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.