Quantcast

Processo Bozzoli, imputato in aula: “Questa vicenda mi sta rovinando la vita”

Ieri nuova udienza del processo per la scomparsa dell'imprenditore. Hanno deposto i parenti della vittima.

(red.) Nella giornata di ieri, mercoledì 21 aprile, in tribunale a Brescia si è svolta un’altra udienza nell’ambito del processo a carico di Giacomo Bozzoli, unico accusato della morte dello zio Mario nell’ottobre del 2015 alla fonderia di Marcheno, in Valtrompia. Quella di ieri è stata dedicata ai parenti della vittima, dando poi spazio anche alle sorelle di Giuseppe Ghirardini, la cui morte sarebbe collegata alla scomparsa – per l’accusa è morto – dell’imprenditore Mario.

Ma l’udienza si è aperta con una dichiarazione spontanea dell’imputato che ha pianto in aula e dicendo che “sono cinque anni e mezzo che sto patendo, sto soffrendo perché so di essere innocente e questa vicenda ha rovinato la mia vita e rovinato la mia famiglia”.

Poi è stato il turno di Vittoria Bozzoli, sorella di Mario e Adelio che ha ritenuto colpevole proprio il nipote Giacomo. Spazio anche ai due figli di Mario Bozzoli e alle sorelle dell’operaio Ghirardini che ritengono non si sia suicidato, come invece pensa l’accusa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.