Quantcast

Falsi contratti di investimento ai risparmiatori, condannati i tre broker

Il promotore e due complici sarebbero entrati in possesso di 7 milioni di euro, poi spesi a fini personali.

(red.) Nella giornata di ieri, venerdì 16 aprile, il tribunale di Brescia ha condannato tre broker per aver raggirato una sessantina di clienti proponendo loro falsi contratti di investimento e con rendimenti fino al 7%. Nei confronti dei tre, il giudice ha stabilito 5 anni per il promotore, un 62enne di Orzinuovi e 4 anni e mezzo e 3 anni per un 49enne di Palazzolo e un altro 50enne di Orzinuovi. Le accuse nei loro confronti erano quelle di truffa aggravata, abusivismo finanziario e abusiva attività di raccolta del risparmio.

Secondo il teorema ricostruito dagli inquirenti, il trio, sfruttando i rapporti con i clienti attraverso le banche in cui lavoravano, tra il 2009 e il 2015 sarebbero riusciti a entrare in possesso di 7 milioni di euro. E tra i risparmiatori c’è chi ha dato persino 300 mila euro sperando di incassare una rendita maggiore. In realtà, oltre a non riuscire ad aprire una sede a Malta, i tre avrebbero usato le risorse per spese personali. E ieri le condanne.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.